Addio #GirlBoss, ciao #BusinessDad



Non c’è un solo paese al mondo in cui uomini e donne distribuiscano equamente il lavoro di cura non retribuito tra di loro. Né esiste un unico forum o colloquio di lavoro in cui agli uomini viene costantemente chiesto come riescono a trovare l’equilibrio tra lavoro e vita privata. La ciliegina sulla torta è che non si può parlare di ripresa economica senza parlare di economia al femminile, nelle parole dell’economista argentino Mercedes D’Alessandro; che ha promosso più di 20 politiche pubbliche durante la pandemia in una prospettiva di genere, riducendo di quasi 10 punti il ​​tasso di disoccupazione delle giovani donne.

Con la morte del fenomeno #GirlBoss, dobbiamo reindirizzare il nostro sguardo, parlare di cosa significa essere un #WorkingMan e analizzare come il #BusinessDad gestisce la sua vita professionale con la sua vita personale. In America Latina, il continente con i più alti tassi di violenza di genere al mondo, le donne messicane trascorrono 58 ore a settimana in lavori di cura non retribuiti, un primo posto in più nella casella dell’ignominia, rispetto alle 17 ore trascorse dagli uomini. . Abbiamo anche il peggior divario salariale nella regione, che va dall’8% al 22%, secondo uno studio di McKinsey.

Il #9M o “Un giorno senza donne” del 2020 ha svelato una conversazione sull’impatto economico delle donne messicane (con un contributo giornaliero di 60 miliardi di pesos al giorno, con la partecipazione economica di 3 su 10). Ripensiamo questa azione collettiva invitando il 51% della popolazione ad assentarsi un giorno anche dalle proprie case, rendendo visibile il lavoro non retribuito che svolge nella gestione domestica e il lavoro di cura svolto nelle scuole, negli ospedali e nelle case di riposo per citarne alcuni. .

La costruzione dell’equità di genere si basa sul principio dell’uguaglianza dei diritti e delle opportunità che facilita una vita dignitosa e libera dalla violenza per tutte le persone. Se solo nel settore economico il tasso di partecipazione economica fosse uguale a quello degli uomini, cioè 7 su 10, il PIL crescerebbe del 70 per cento entro il 2025. Portare al tavolo le 4 donne significherebbe condividere i compiti a casa e cura equamente.

Dei 33,2 milioni di persone economicamente inattive, l’89 per cento sono donne e secondo l’Indagine nazionale sull’occupazione e l’occupazione del primo trimestre di quest’anno realizzata dall’INEGI: “hanno dichiarato di non essere disponibili a lavorare perché hanno dovuto occuparsi di altri obblighi, o erano interessati, ma il loro contesto impediva loro di poterlo fare (handicap fisici, obblighi familiari o altre condizioni).” Il 72 per cento delle donne che non hanno un lavoro retribuito ma vorrebbero lavorare sono madri. Non è mancanza di desiderio o talento, è mancanza di tempo e di discriminazione per essere madri.

In Messico, ogni 5 giorni una donna viene licenziata perché incinta, a meno che non raggiungiamo un cambiamento culturale radicale, e per radicale intendo che iniziamo accettando la realtà che l’uomo che cucina, lava i piatti, fa le pulizie di casa, si prende cura dei malati ed è coinvolta nell’educazione e nei bisogni quotidiani dei suoi figli è un’adulta funzionale, non un essere speciale.

Dove iniziare? La neuroscienza afferma che gli esseri umani impiegano dai 18 ai 254 giorni per creare un’abitudine e gli analisti affermano che ci vorranno 132 anni per colmare il divario di genere. Non c’è tempo da perdere. Benvenuti nell’era di analizzare con una prospettiva di genere cosa significa essere #WorkingMan.

Lascia un commento