‘Alito’ Moreno non toglie il ‘dito dalla linea’ alla Guardia Nazionale



Il leader nazionale del Partito Rivoluzionario Istituzionale (PRI), Alejandro Moreno Cardenas ha risposto ai membri dell’alleanza va in Messico sulla sua posizione secondo cui elementi delle Forze Armate (FF. AA.) sono nelle strade per svolgere compiti di pubblica sicurezza.

Dopo l’approvazione dell’iniziativa del capo dell’Esecutivo, Andrés Manuel López Obrador, di trasferire la Guardia Nazionale sotto il comando del Segretario della Difesa Nazionale (Sedena), il leader nazionale del PRI ha espresso attraverso i social network che non sarà il suo partito a lasciare la vita dei messicani nelle mani della criminalità organizzata.

Allo stesso modo, ‘Alito’ Moreno ha sottolineato che in 19 stati del Paese ci sono più membri attivi delle Forze Armate (FF. AA.) —compresi membri della Guardia Nazionale— che la polizia di stato.

“In 19 stati del Paese ci sono più risorse dell’esercito e della guardia nazionale che della polizia di stato. Il ritiro dell’Esercito deve occuparsi di una strategia analizzata e rivista che non apra le porte alla criminalità organizzata”, ha condiviso ‘Alito’ su Twitter.

Quanto sopra, dopo che il PAN e il PRD, membri dell’alleanza Va por México, hanno rivolto un “rispettoso” appello ai legislatori del PRI affinché essi ritira la tua proposta sul mantenimento delle Forze armate preposte alla pubblica sicurezza fino al 2028.

Con una dichiarazione congiunta, rilasciata questa domenica 11 settembre, i partiti guidati da Marko Cortés e Jesús Zambrano hanno indicato che non voteranno a favore di detta riforma proposta dal partito guidato da Alejandro ‘Alito’ Moreno, e che la chiamata era per lo scopo che la coalizione Va por México continui.

Dal 7 settembre la coalizione tra PRI, PAN e PRD è stata sospesa dopo il disaccordo sulla prospettiva divisa sulla Guardia Nazionale, e la questione è motivo di “preoccupazione” da parte degli oppositori.

Lascia un commento