Angoscia



Ebbene, dopo il Rapporto di AMLO è chiaro che la sua visione del Paese non cambierà. È totalmente fuori contatto con la realtà e senza alcun segno di fare ammenda per un disastro nazionale. Né dolore, né messa in discussione delle sue azioni. L’ansia prende il sopravvento sul nostro spirito. La militarizzazione è il loro credo. La società civile non è significativa; sono fifi E solo lui ha il potere di decidere il nostro destino.

Sotto la bandiera di mettere i poveri al primo posto, ha creato più povertà, e dopo aver minacciato i ministri della Corte Suprema di Giustizia della Nazione; indipendentemente dall’appello della Corte interamericana, sulla detenzione preventiva informale, con sfumature, condanna i poveri a più ingiustizie. La violazione dei diritti umani è evidente, alla presunzione di innocenza. Spetta ai giudici decidere su una questione a cui i pubblici ministeri ricorrono indistintamente. Lo usano molto frequentemente come domani politico e non come elemento per prevenire incidenti nei processi in libertà. Passano gli anni e le prove non avanzano nemmeno.

I benefici sociali sono la sua speranza. Il budget viene utilizzato per ampliarli anche se non sono sostenibili in futuro. A queste cifre si aggiungono i suoi mega-progetti faraonici e inutili, che non utilizza nemmeno, come l’AIFA, e la spesa pubblica è destinata a Pemex e Cfe, che non sono né efficienti né redditizie. Affrontano possibili dazi in T-MEC per violazioni di accordi e contratti, ma siccome il loro governo non li pagherà, lascia che soffra il mascalzone, cioè gli esportatori.

La spesa pubblica non dà di più. Il fondo di riserva è già stato speso, più di 300 miliardi, è già finito con i trust e non basta. Assegna appalti senza fare offerte e il fetore della corruzione è presente. Ma insiste per porre fine all’INE e ai suoi 24 miliardi che considera eccessivi, a fronte di oltre 85 miliardi di spesa in Aifa, più di 340 miliardi per il Mayan Train, 18 miliardi di dollari in Dos Bocas. Più di 100 miliardi nel 2023 alle sue opere, non ci sono soldi che bastano con i contratti discrezionali.

Ma porre fine al dissenso è la sua ossessione, non ammette critiche. Sistema sanitario rovinato e continua a dire che è il migliore e presto sarà come i sistemi nordici. L’AIFA si vanta, inutile e senza domanda, come uno dei migliori aeroporti dell’America Latina. La sicurezza pubblica è già un sogno. Non esiste. La criminalità organizzata ha preso il controllo dei territori e perseguita i militari. Punisce chi non paga il diritto di appartamento. Il suo potere corruttore è insaziabile. Ed è inevitabile senza una strategia statale. L’angoscia vive nei nostri cuori.

Come capire che distruggere la Polizia Federale era un capriccio costoso? La Guardia Nazionale è militarizzata e, nonostante gli accordi e le modifiche costituzionali, AMLO non rispetta il suo carattere civile. Le sue misure per farla dipendere da SELENA sono inadeguate. Cerca delle alternative. Non c’è altro che un cambiamento costituzionale, impossibile da ottenere.

Nonostante il blocco dell’opposizione e la moratoria costituzionale siano scossi dalla decisione unilaterale del PRI di modificare una transizione costituzionale per proteggere la Guardia Nazionale oltre il cambio di sei anni, il provvedimento non pone fine alle intenzioni di AMLO.

La misura potrebbe aiutare se il blocco dell’opposizione non viene definitivamente distrutto e vince il 2024. Il Congresso e l’Esecutivo avranno spazio di manovra per ricostruire una forza di polizia civile. Tuttavia, a Marko Cortés non piaceva la forma, e si capisce. Sebbene in un’alleanza ci sia un obiettivo, i partiti hanno la loro autonomia. Non è facile conciliare le posizioni. E l’angoscia ritorna al corpo.

Si avvicina la celebrazione delle feste nazionali. Oltre alle occorrenze degli ospiti di AMLO, è atteso il messaggio sul futuro delle relazioni con Stati Uniti e Canada. Più angoscia. Verrà registrato un discorso sciovinista, provocatorio per il sostegno dei suoi seguaci e messo a confronto con i vantaggi del libero scambio che non intende abbandonare, solo per intaccare.

Così segna quattro anni di angoscia. Dove ogni giorno pensiamo che AMLO non possa causare più distruzione e ci sorprende con nuovi eventi. Finora ha raggiunto stabilità macroeconomica e avanzi di bilancio che hanno impedito le svalutazioni. Ma il debito cresce e l’uso improprio della spesa pubblica erode le nostre istituzioni, inutili, carenti di risorse e di contenuti. Il paese di un uomo.

Per questo l’angoscia ci paralizza, ma la paura va vinta. Speriamo che l’Alleanza vada per il Messico resista. Che dopo il 12 settembre vediamo un’unica candidatura per Edomex. In gioco c’è il Paese. Non possiamo permetterci di arrenderci.

Lascia un commento