Argentina contro Olanda: segui minuto per minuto la partita dei quarti di finale della Coppa del Mondo 2022 qui

La squadra albiceleste affronta l’Olanda per definire chi sarà la seconda squadra a ottenere il pass per le semifinali. Gli olandesi vogliono vendicarsi, come hanno indicato in una conferenza stampa, prima della fiera di questo venerdì.

Nella prima giornata dei quarti di finale, Croazia e Brasile si sono affrontate in un match che si è concluso ai supplementari con il punteggio di 1-1, quindi si è deciso tutto ai rigori, dove i croati hanno mostrato superiorità nei confronti dei sudamericani e gli eliminati, diventando le prime semifinaliste.

Argentina contro Paesi Bassi: Segui qui minuto per minuto

Questo venerdì, 9 dicembre, la partita tra Olanda e Argentina è iniziata bruscamente alle 13:00 ora del Messico centrale, che è finita ai calci di rigore, lasciando vincitrice l’Argentina, che è andata alle semifinali della Coppa del Mondo in Qatar .

L’ARGENTINA VA IN SEMIFINALE AI MONDIALI IN QATAR 2022

Olanda: Primo rigore sbagliato – Secondo rigore sbagliato – Gol – Gol – Gol


Argentina: Gol – Gol – Terzo rigore sbagliato – Gol – Gol

I TEMPI SUPPLEMENTARI FINISCONO SENZA GOL, TUTTO SI DECIDE AI RIGORI

Minuto 109: cartellino giallo per Montiel; con questo perderebbe la semifinale in caso di passaggio dell’Argentina.

Minuto 107: L’Olanda ha bloccato ogni occasione da gol cercata dall’Argentina.

Minuto 103: Otamendi è un altro che cerca di entrare in contatto con la palla, anche se le giocate falliscono.

97° minuto: Messi cerca il controllo della palla per segnare un’opportunità, anche se finora non l’ha trovata.

Minuto 92: L’Argentina inizia ad attaccare più forte, ma l’Olanda mantiene la ‘compostezza’ e la loro difesa fa lo stesso.

Minuto 90: Messi e Otamendi vengono ammoniti dopo essersi lamentati per la decisione dell’arbitro che avrebbe dato loro la possibilità di vincere il match.

FINISCE IL SECONDO TEMPO. SEGNO Olanda 2-2 Argentina. VANNO AI SUPPLEMENTARI

Minuto 90+10: GOOOOOOOOOL DAI PAESI BASSI! Wout Weghorst appare ancora una volta per segnare una doppietta e salvare così la squadra olandese nell’ultima giocata.

90° minuto: si dice che aggiungeranno 10 minuti alla seconda metà della partita.

Minuto 84: Tiro di sinistro dell’Olanda.

83° minuto: GOOOOOOOOOL DAI PAESI BASSI! Wout Weghorst colpisce a favore della sua nazione e inizia a fare pressione sull’Argentina; fanno 2-1

Minuto 73: GOOOOOOOOOL PER L’ARGENTINA! Lionel Messi ha tirato da undici passi e ha sistemato la palla per il 2-0 in favore di ‘la albiceleste’.

Minuto 72: Rigore a favore dell’Argentina.

Minuto 60: Messi provoca una spinta di Van Dijk, vicinissimo al limite dell’area.

INIZIA IL SECONDO TEMPO

IL PRIMO TEMPO FINISCE. SEGNO Argentina 1-0 Olanda

Minuto 45+4: Gioco che poteva essere infrazione, ma l’arbitro non segna.

Minuto 44: cartellino giallo per Cristian Romero per presunta mano; centrale dell’Olanda che il portiere argentino riesce a fermare.

Minuto 43: cartellino giallo per l’argentino Marcos Acuña.

Minuto 41: Violazione per caduta.

Minuto 40: Julián Álvarez dentro l’area; Messi entra ma il portiere ferma il suo gioco.

Minuto 35: BUOOOOOOOO DALL’ARGENTINA! Leo Messi la prende, la trascina, si rialza e riesce a connettere con Nahuel Molina per piazzare la palla che apre le marcature del match.

Minuto 33: Messi riprende palla, ma la difesa della squadra olandese; De Paul prende palla e fa una giocata pericolosa, ma non riesce a concretizzarla.

Minuto 32: L’Argentina recupera palla dopo una giocata dell’Olanda.

Minuto 22: Messi si avvicina di sinistro al portiere olandese, ma ne esce vincitore.

Minuto 21: lancio lungo per l’Olanda; il gioco non è stato completato; calcio d’angolo per l’Olanda.

Minuto 16: Ci sono quattro errori iniziali molto marcati da parte dell’Olanda.

Minuto 13: Entrambe le squadre contestano la palla.

Minuto 6: Ora è l’Argentina che comincia a rubare palla e cerca di portarla alla porta rivale.

Minuto 4: L’Olanda ha iniziato a mostrare il dominio nei primi minuti della partita, ma la difesa argentina ha saputo controllarla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.