‘Arrivederci’ Biden e tornare allo stesso

[ad_1]

È importante che i tre presidenti del Nord America si incontrino per affrontare diversi temi dell’agenda trilaterale, tuttavia, la visione che Joe Biden e Justin Trudeau hanno su energia pulita, sviluppo economico nella regione, migrazioni e lotta al narcotraffico, principalmente fentanil, non sono simili a quelli gestiti da Andrés Manuel López Obrador e quindi i risultati tangibili del vertice si dissiperanno nel tempo.

Non credo che il presidente messicano cambierà la sua visione politica del mondo per quanto riguarda la gestione delle fonti energetiche e l’apertura che dovrebbe essere data al capitale privato per investire in questo settore, figuriamoci lasciarsi alle spalle il consumo di olio combustibile e carbone per privilegiare energia pulita.

Allo stesso modo, la sua politica di “abbracci, non proiettili” sarà mantenuta in tutta l’amministrazione a scapito dello stato di diritto e dell’ordine costituzionale.

In altre parole, l’avanzata del narcoterrorismo e il controllo che i criminali hanno imposto in vaste aree del territorio nazionale continueranno finché non cambierà il modello politico promosso da AMLO.

Semplicemente, nel caso di Ovidio Guzmán, si farà tutto il possibile per evitare la sua estradizione negli Stati Uniti, grazie a trucchi legaloid che mostrano la mancanza di volontà politica del governo 4T perché ciò avvenga.

Il traffico di droga dal nostro Paese al Nord America è allarmante e ora con la droga della morte come il fentanyl, da quelle parti si verificano ogni giorno centinaia di morti.

Joe Biden ha accettato di partecipare al vertice per stabilire la richiesta del suo governo per questo farmaco e in generale per sottolineare la sua richiesta per la crescita dei cartelli messicani, che rappresentano già una seria minaccia per la sicurezza interna degli Stati Uniti.

Certo, l’immigrazione irregolare verso gli Stati Uniti è l’altro tema rilevante nell’agenda dei nostri vicini settentrionali e dove il governo AMLO gioca un ruolo determinante sia per regolarizzare i flussi migratori sia per diventare un paese terzo sicuro per ospitare i migranti in transito verso gli Stati Uniti. NOI.

Per López Obrador è facile incolpare il governo degli Stati Uniti per la migrazione irregolare, al punto da chiedere agli americani di destinare maggiori risorse economiche al Centro America e ai Caraibi, cosa che Joe Biden si è opposto, perché i governi locali si limitano a tendere la mano, ma lo fanno non fare molto per generare posti di lavoro e condizioni minime di sicurezza pubblica affinché questi migranti non lascino i loro luoghi di origine.

Certo, la questione è molto complessa e ha molteplici margini per trovare una soluzione, tuttavia, insistiamo, la visione di AMLO è in conflitto con quella delle sue controparti.

Da quando ha assunto la presidenza, López Obrador ha cercato di difendere la causa dell’America Latina contro “l’imperialismo”, ma non solo questo non è stato possibile, ma anche il Messico ha perso forza nella regione.

Quali saranno i conti che il presidente messicano consegnerà al termine della sua amministrazione in merito ai rapporti con Stati Uniti e Canada. Sicuramente saranno negativi perché la visione di un politico che è un membro di spicco del Forum di San Paolo, un’entità politica regionale che si oppone all’avanzata di “imperialismo yankee e regimi democratici”, è incompatibile.

Il discorso di AMLO sulla disuguaglianza sociale nella regione è ripetitivo, e persino scortese quando chiede dollari agli Stati Uniti, quando governi locali come quello messicano generano più povertà ed emarginazione.

Ora si scopre che il disastro che sta lasciando il 4T è colpa della Casa Bianca.

Seri, signori.

Quello di incolpare gli altri per i propri errori è molto tipico di AMLO e non solo nella distribuzione della colpa verso i nostri vicini del nord, ma verso il passato e il “conservatorismo”.

Sarà colpa dei gringos strangolare le finanze pubbliche messicane, destinando la maggior parte delle risorse pubbliche all’aeroporto Felipe Ángeles, alla raffineria di Dos Bocas e al Treno Maya; nonché per finanziare programmi di assistenza sociale con sfumature elettorali e che costringono il governo a contrarre il debito pubblico a livelli senza precedenti. Solo per quest’anno, al Congresso, Morena ei suoi alleati hanno autorizzato il presidente a un tetto di debito di 1,3 trilioni di pesos.

E meglio non parlare di democrazia messicana, visto che è evidente la strategia del governo di indebolirla polverizzando l’INE ei tribunali elettorali, oltre a cercare di annientare l’opposizione attraverso riforme delle leggi secondarie che impediscono di avere una rappresentanza sufficiente al Congresso.

[ad_2]

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *