Autogestione e autonomia, chiavi per le donne per raggiungere posizioni dirigenziali in Messico: Mónica Bauer Mengelberg

[ad_1]

Non è facile essere una donna a capo di un’azienda in America Latina. Nonostante i progressi nell’uguaglianza di genere, ci sono ancora molti ostacoli che i loro coetanei devono affrontare per raggiungere posizioni dirigenziali, afferma Mónica Bauer Mengelberg, esperta di questioni relative all’emancipazione femminile e al suo rapporto con il lavoro e l’ambiente professionale.

Sebbene non esista una formula magica per proteggere le donne da certe barriere professionali, sottolinea Monica Bauer Mengelberg nel suo libro “Il potere del potere. Women building Latin America”, di cui è coautrice, che esistono strumenti utili per affrontarle in modo efficace e strategico.

Alcuni degli ostacoli che devono affrontare sono, ad esempio, essere sottovalutati, farsi rubare il credito per un’idea di successo, non fornire loro informazioni tempestive, fornire loro dati fuorvianti, creare scenari per farli arrivare in ritardo o incolparli costantemente per errori che sono a loro non imputabile.

“Rientra in questa categoria anche la diffusione di informazioni riservate, l’interruzione durante le riunioni, il cambio di argomento dopo che hanno detto qualcosa di importante, la sottrazione di tempo a una presentazione o il divieto di un evento”, afferma Monica Bauer Mengelberg. .

Strumenti per combattere gli ostacoli

Tra i punti menzionati nel libro ci sono i seguenti: “Lascia le cose per iscritto”. Bauer sottolinea che è importante documentare dettagli come le discussioni sorte all’interno del processo lavorativo, gli accordi, chi li ha presi, perché, ecc.

Menziona anche se ci sono stati comportamenti offensivi o inappropriati. “Tenere un registro ti aiuterà a identificare i modelli, oltre a creare una difesa efficace”, recita la regola 10 del libro, che insegna 12 regole di potere in modo che le donne possano crescere all’interno di un’organizzazione, sviluppare il loro massimo potenziale e raggiungere il successo.

Il secondo strumento è “arrivare in anticipo”. Arrivando prima degli altri o il prima possibile, ci sarà un ampio margine di manovra nel caso in cui qualcuno chieda di aiutare su un progetto che potrebbe non favorire gli obiettivi dell’azienda e quindi la domanda non viene accettata.

Poiché, se arrivi in ​​ritardo a una riunione successiva, la controparte potrebbe dire che sei inflessibile, rigido, non provi a fare cose nuove o non sai lavorare in squadra. D’altra parte, “essendo presenti al momento giusto non c’è bisogno di scontri, con un’esposizione chiara e puntuale ci si può proteggere dal sabotaggio”.

Il terzo punto è dimostrare il tuo potere. Se altre persone credono che non sei disposto a usarlo, non avranno remore a farti un cattivo affare. “Se ti trovi in ​​una situazione in cui la cosa giusta da fare per il tuo team o per l’organizzazione è licenziare qualcuno, è importante che gli altri vedano che non hai problemi a farlo”, dice.

Il quarto punto, secondo Monica Bauer Mengelberg, è la “risposta”. Se una persona interrompe una riunione, distoglie l’attenzione, prende in giro e sarcasmo, o cerca di prendere tempo, alcune delle frasi che si consiglia di pronunciare sono: “fatemi finire di parlare”, “prima di passare a quell’argomento vorrei per ottenere un feedback su quello che ho appena detto” o “So che stai scherzando, ma dato che hai sollevato l’argomento, mi piacerebbe parlarne”. Oltre a neutralizzare gli attacchi, si mette in chiaro che sei una persona a cui piace essere trattata con rispetto e correttezza.

Un altro strumento è “promuoverti con opportuna audacia”. Monica Bauer Mengelberg, esperta di emancipazione femminile, raccomanda in questa parte che il compito delle donne sia quello di lasciare il segno nel lavoro che svolgono, dare titoli alle loro idee e discutere i loro risultati con un vasto pubblico, perché questo funziona come protezione in caso di qualcuno che cerca di prendersene il merito.

“Se accompagni questi passaggi con un piano per migliorare la tua presenza dirigenziale, la tua presenza, forza e calma di fronte a sfide, dibattiti e conflitti lanceranno il messaggio che sai difenderti con abilità”.

[ad_2]

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *