Banxico alzerà i tassi di interesse a febbraio e può lasciarlo “congelato” per 6 mesi: Heath

[ad_1]

Jonathan Heath, vice governatore della Banca del Messico, ha avvertito che è necessario un ulteriore aumento del tasso di interesse e si aspetta che rimanga al suo punto massimo per un minimo di sei mesi per assicurare che inflazione diminuire.

Con gli aumenti dei prezzi al consumo che rallentano appena rispetto ai massimi di due decenni, la banca centrale probabilmente aumenterà il suo tasso di riferimento di almeno un altro quarto di punto percentuale, ha affermato il vice governatore in un’intervista.

I recenti aumenti hanno avvicinato gli oneri finanziari al loro cosiddetto tasso terminale, che “intuitivamente” può essere compreso tra il 10,75 e l’11,5 per cento, ha aggiunto.

“Non vedo (il tasso) superiore all’11,5 percento, nemmeno molto al di sopra dell’11 percento, ma questo dipenderà dai dati”, ha detto Heath durante l’intervista presso la sede di Banxico a Città del Messico.


Il funzionario ha indicato che i suoi commenti riflettono solo i suoi punti di vista e non deve essere considerata la posizione del Consiglio composto (per ora) da quattro persone.

Quando è il prossimo incontro di Banxico?

Il prossimo 9 febbraio. L’istituto ha aumentato consecutivamente il tasso di interesse nelle ultime 13 riunioni, aumentandolo di 650 punti base al 10,50%, il livello più alto da quando ha adottato il suo obiettivo di inflazione nel 2008.

Allo stesso modo delle altre banche centrali del mondo, Banxico si sta calibrando Fino a che punto dovrebbe spingersi il ciclo di aggiustamento? nella sua lunga battaglia contro l’inflazione per evitare di alzare i tassi troppo in alto.

A livello regionale, i loro coetanei in Brasile e Cile hanno già interrotto la loro fase di aggiustamento monetario man mano che diminuiscono le pressioni inflazionistiche in quelle economie, mentre si prevede che Colombia e Perù, oltre al Messico, continueranno ad aumentarle.


“Potremmo rimanerci per buona parte dell’anno, perché dobbiamo lasciare la posizione monetaria in zona restrittiva”, ha puntualizzato. Questa posizione è necessaria “non solo affinché l’inflazione cominci a diminuire, ma anche per guidarla verso il basso e assicurati che continui a scendere”, ha indicato.

Heath ha anche commentato che la posizione monetaria della banca centrale era entrata in territorio ristretto solo alla fine del 2022, dove ora si trova “comodamente”. Anche così, Banxico si è impegnata a dicembre ad alzare nuovamente il tasso a febbraio, fornendo il tipo di ulteriore orientamento futuro che Heath afferma di sostenere pienamente.

Banxico terrà conto di un calo dell’inflazione negli Stati Uniti?

La lotta di Banxico contro l’inflazione sta ottenendo un certo sostegno dal continuo rallentamento negli Stati Uniti, il principale partner commerciale del Messico, dove l’inflazione annuale è scesa al 6,5% a dicembre, rispetto al 7,1% del mese precedente e al massimo storico di quattro decenni a giugno del 9,1 per cento.

Nonostante quel successo iniziale, i politici della Federal Reserve lo hanno chiarito il ciclo di regolazione non è terminato e una volta fatto, dovrebbero fare una pausa e mantenere il tasso alto per qualche tempo.

L’enigma che i responsabili politici di entrambi i paesi devono affrontare è fino a che punto la politica monetaria e il territorio ristretto come programmare e mettere a punto un eventuale allentamento. Un passo falso da entrambe le parti rischia da un lato di far uscire dalla bottiglia il “genio” dell’inflazione, dall’altro di mandare le rispettive economie in recessione.

Per esprimere questo giudizio in Messico, Heath afferma che Banxico farebbe bene a osservare da vicino l’evoluzione del tasso di interesse corretto per l’inflazione, o il tasso di interesse realee le aspettative di inflazione, che si stanno muovendo nella giusta direzione.

Le tendenze al ribasso che ora si vedono in entrambi gli indicatori, se continuano, renderebbero la posizione reale effettiva della banca in futuro sempre più restrittiva, anche se i politici manterrebbero invariato il tasso nominale, ha aggiunto.

[ad_2]

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *