‘Buono’: arriva in Messico Atlas 2030, l’esoscheletro per bambini con paralisi cerebrale



bambini messicani chi soffre di una condizione correlata a paralisi cerebrale e ciò impedisce loro di alzarsi in piedi potranno camminare per la prima volta con l’aiuto del Atlante 2030, il primo esoscheletro pediatrico che arriva in Messico.

“L’esoscheletro Atlas 2030 Non è solo un robot che sposta il bambino da un posto all’altro, è un robot che quello che fa è che oltre a camminare impedisce loro di avere problemi con la malattia”, ha sottolineato Ignacio Barraqué, co-fondatore della Azienda Bionica Marsi, creatore di tecnologia.

L’Atlante 2030 è un innovazione robotica che aiuta a combattere spasticità muscolare causato da paralisi cerebrale, aumenta il tono muscolare, la resistenza aerobica, consente una maggiore mobilità e una migliore interazione con l’ambiente.

Il dispositivo è composto da otto articolazioni cinghie attive che supportano l’utente dal tronco ai piedi e aiutano la mobilità in tutte le direzioni.

Sono sufficienti dai cinque ai sette minuti perché il piccolo si alzi e cammini per la prima volta.

Questa tecnologia unica in America Latina promette aiutare i bambini a camminare in modo autonomo e naturale, oltre ad essere uno strumento per iniziare ricerca neuropediatrica con cui cercano di trasformare la vita di centinaia di persone nel paese e nella regione.

Il dispositivo, che è arrivato al Associazione per le persone con paralisi cerebrale (APAC), mira a favorire centinaia di bambini messicani che, grazie a questa tecnologia, potranno avere la possibilità di camminare per la prima volta.


Sebbene al momento esista una sola unità, si prevede che in futuro potranno essere portati più esoscheletri non solo in Messico ma anche in altri paesi dell’America Latina.

Collaborazione binazionale tra Spagna e Messico

Secondo Barraqué ha lasciato l’Europa per la prima volta e il Messico è stato il Paese prescelto per il suo arrivo in America grazie al Iniziativa Importing Smiles della Confederazione delle Associazioni degli Agenti Doganali della Repubblica Messicana (funCAAAREM) in coordinamento con l’APAC, che quest’anno celebra il suo 52° anniversario.

“La nostra cooperazione scientifica con questo Paese è davvero una pietra miliare, portando il primo esoscheletro al di fuori dell’Unione Europea, Penso che sia molto importante e continueremo a lavorare con tutti gli attori”, ha detto a EFE Juan Duarte, l’ambasciatore spagnolo in Messico.

Questo strumento può essere utilizzato dai minori tra i 2 anni e mezzo e gli 11 anni che soffrono di qualche tipo di malattia lesioni del midollo spinale, paralisi cerebrale, atrofia muscolaredistrofia muscolare, miopatie e altro malattie neuromuscolari.

“Per produrre questi benefici nei bambini attraverso l’esercizio, stare in piedi rafforza i loro muscoli, dà loro una maggiore capacità respiratoria e previene persino alcune di queste complicazioni”, ha sottolineato Barraqué.

Inoltre, ha detto, aumenta l’autostima, dà loro fiducia e la voglia di migliorarsi ogni giorno.

“Non è la cura per nessuna malattiama è uno strumento che aiuterà i bambini ad avere molto migliore qualità della vita, meno problemi di salute e sono in grado di superare le barriere della disabilità”, ha sottolineato.

Per Duarte, questa è la prima di molte collaborazioni che la Spagna avrà con il Messico.

“Quello che vorrei è continuare ad avere molta influenza sul cooperazione scientifica, consegnare più progetti. La Spagna ha cose da contribuire e anche il Messico, E mi piacerebbe che in futuro l’esoscheletro potesse essere prodotto nel continente e perché no? in Messico”, ha detto. EFE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.