Cala la domanda messicana di gas naturale importato



Lo scorso maggio ha rappresentato il terzo mese consecutivo in cui è diminuita la domanda del Messico di gas naturale importato dagli Stati Uniti (UE).

Pertanto, durante il quinto mese di quest’anno, gli acquisti di idrocarburi da parte del Messico hanno totalizzato una media di 5.979 milioni di piedi cubi al giorno (mmcfd), un calo del 3,7 per cento rispetto allo stesso mese del 2021, secondo le informazioni della US Energy Administration ( VIA) analizzato da Energy Monitor.

Solo tra marzo e maggio gli acquisti messicani sono stati adeguati del 5% ogni mese rispetto allo stesso periodo del 2021, misurato a un tasso annuo.

Maggio è solitamente un mese di forte domanda di energia (dovuta all’inizio della stagione calda), e quindi di crescita delle importazioni, ma il ritmo di questo 2022 contrasta con l’anticipo del 32,6 per cento annuo nello stesso mese del 2021.

In diversi mesi dell’anno precedente sono stati raggiunti livelli record nelle importazioni di gas, anche se da agosto 2021 la barriera dei 6mila MMCFD non è stata superata.

“Ci sono due fattori principali alla base del calo delle importazioni: il primo è il rallentamento dell’industria manifatturiera in Messico (settore che consuma molto gas naturale), che è cresciuta a un tasso dello 0,4 per cento tra marzo e maggio, cosa che contrasta con l’anticipo dello 0,9 per cento al mese nello stesso periodo del 2021″, ha sottolineato un esperto dell’agenzia Energy Monitor.

Ha aggiunto che il secondo fattore che ha giocato contro gli acquisti di energia degli Stati Uniti è il prezzo.

Secondo i dati EIA, il prezzo medio del gas naturale acquistato dal Messico tra marzo e maggio scorso è stato di 6,08 dollari per MMCFD, contro i 2,93 dollari dello stesso periodo dell’anno prima.

Il consumo di gas naturale di Nuevo León (NL) è equivalente all’intera domanda di 13 entità del paese e contribuisce per l’equivalente del 35% alla domanda di energia della zona nord-est.

Il calo della dipendenza dal gas rappresenta una “tregua” per NL in quanto è l’entità con il più alto consumo di questa energia, rappresentando il 40 percento della domanda nazionale del Messico, secondo il Ministero dell’Energia.

Tra il 1995 e il 2019, la domanda di gas naturale in NL è cresciuta a un tasso del 4,2 per cento all’anno in quel periodo, molto simile all’aumento del 4,5 per cento registrato a livello nazionale nel periodo, secondo l’analisi del Cluster Energy di Nuevo León con sede su dati ufficiali del Ministero dell’Energia.

Con le informazioni del governo degli Stati Uniti (UE), Energy Monitor conclude in un rapporto che c’è una riduzione della dipendenza dagli idrocarburi dal Messico con gli Stati Uniti.

Lascia un commento