Cambiamenti climatici e auditing superiore



Revisore Superiore della Federazione

Una delle preoccupazioni attuali e costanti è la tutela dell’ambiente, il suo degrado è una grande sfida e, per trovare una soluzione, è necessario promuovere l’impegno e la collaborazione di governi, imprese e cittadini per adottare modelli e pratiche che siano più ecologici e sostenibili, che ci permettono di preservarli per le generazioni future.

I primi passi a livello internazionale per affrontare i problemi ambientali sono stati compiuti nel 1972, nell’ambito della prima conferenza internazionale sull’ambiente, tenutasi a Stoccolma, in Svezia. Il lavoro di questa conferenza ha portato alla creazione del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP). Attualmente, l’UNEP è uno spazio che favorisce la riflessione, ma soprattutto le azioni, per generare cambiamenti positivi per affrontare la triplice crisi planetaria che stiamo vivendo: cambiamento climatico, perdita di biodiversità e inquinamento.

A 50 anni da quella prima Conferenza e dalla creazione dell’UNEP, le Nazioni Unite convocarono la nuova edizione della Conferenza Mondiale sull’Ambiente (Stoccolma+50), il cui obiettivo era condividere esperienze e iniziative per proteggere il pianeta e contribuire allo sviluppo sostenibile e inclusivo e anticipatore nella ripresa dalla pandemia di Covid-19, visti gli impegni dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile.

Entrambe le commemorazioni coincidono con il 30° anniversario dell’istituzione del Gruppo di lavoro sull’audit ambientale (WGEA) dell’Organizzazione internazionale delle istituzioni superiori di controllo. La WGEA è attualmente composta da 81 ISC di tutto il mondo e conta sei gruppi regionali, tra cui la Commissione tecnica speciale sull’ambiente dell’Organizzazione delle istituzioni superiori di controllo dell’America Latina e dei Caraibi, a cui l’ASF partecipa attivamente in entrambe le istanze.

Fin dalla sua creazione, il WGEA ha promosso audit ambientali –in cui vengono controllati il ​​rispetto e l’attuazione delle politiche ambientali e climatiche–, particolarmente rilevanti nel contesto della triplice crisi ambientale che stiamo vivendo, poiché in questo scenario è fondamentale garantire che i bilanci pubblici affrontino i diversi aspetti di questa crisi in modo economico, efficiente ed efficace.

In questo senso, le ISC possono collaborare al recupero e alla conservazione dell’ambiente e della biodiversità attraverso raccomandazioni basate sui risultati dei loro audit, che possono riferirsi a riforme dei quadri legislativi o regolamentari, modifiche ai loro processi di attuazione, miglioramenti nella pianificazione e valutazione di piani e programmi, l’analisi del rapporto costi-benefici delle azioni ambientali, nonché la promozione di un migliore coordinamento tra le autorità preposte, per le quali il WGEA ha promosso diverse azioni, come la redazione di quattro guide sugli audit ambientali e la promozione di audit coordinati a livello regionale, come l’Audit sulle Aree Naturali Protette, l’Audit sull’Adattamento ai Cambiamenti Climatici e sulla Riduzione del Rischio di Catastrofi.

La rilevanza e la tempestività degli audit ambientali sono evidenti, poiché contribuiscono a migliorare i programmi e le azioni governative volte ad affrontare le diverse sfaccettature e impatti della crisi ambientale globale, fornendo informazioni e raccomandazioni oggettive e tempestive che favoriscono il corretto processo decisionale pubblico. grazie a questo, collaborare al recupero del nostro pianeta e preservarne l’abitabilità.

Lascia un commento