Cemex introduce la stampa 3D con cemento in Messico

[ad_1]

Cemex introdurrà in Messico la prima tecnologia di stampa 3D in calcestruzzo per costruzioni e prevede di utilizzare questa tecnologia per offrire un’esperienza superiore ai propri clienti attraverso un metodo di costruzione innovativo che riduce tempi e costi.

“Cemex è onorata di presentare questa tecnologia pionieristica in Messico”, ha affermato Ricardo Naya, presidente di Cemex in Messico.

“Cerchiamo costantemente di introdurre tecnologie di costruzione innovative e offrire ai nostri clienti l’opportunità di rafforzare ed evolvere le loro attività. La stampa 3D concreta ha un grande potenziale per guidare le tecnologie digitali nel nostro settore e siamo lieti che la nostra partnership con COBOD renderà disponibile questa soluzione in Messico”, ha aggiunto.

La stampante è prodotta da COBOD, leader mondiale nella tecnologia di stampa 3D.

L’azienda del cemento ha una partnership con COBOD e ha investito nell’azienda attraverso la sua unità di capitale di rischio aziendale e innovazione aperta, Cemex Ventures.

Attraverso questa associazione, entrambe le aziende hanno collaborato per innovare nel campo della stampa 3D. All’inizio di quest’anno, hanno annunciato la prima soluzione di stampa 3D che utilizza il calcestruzzo convenzionale nel processo di costruzione.

Ha affermato che questa soluzione può portare a risparmi significativi rispetto ai tradizionali metodi e materiali di costruzione della stampa 3D e sarà ora disponibile in Messico.

In linea con l’impegno di Cemex nella promozione di un’economia circolare, questo metodo di stampa riduce anche significativamente la quantità di materiali da utilizzare, rispetto ad altri metodi di costruzione della stampa 3D.

Gli attuali metodi di costruzione della stampa 3D si basano su malte altamente specializzate e costose. Cemex ha introdotto “D.fab”, una famiglia proprietaria di additivi che consente di adattare in modo efficiente il calcestruzzo convenzionale per la costruzione stampata in 3D.

Questa innovazione introdotta dagli additivi Cemex, insieme agli stampatori e all’esperienza di COBOD, consentono di implementare un processo più efficiente che richiede meno materiale e utilizza qualsiasi calcestruzzo.

La combinazione della tecnologia COBOD con gli additivi D.fab di Cemex ha avuto successo in progetti su vasta scala. Nel giugno 2022, la società di costruzioni angolana Power2Build ha costruito il più grande edificio stampato in 3D in Africa utilizzando questa combinazione.

[ad_2]

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *