Cesáreo Gámez: Banxico adegua le proiezioni al ribasso



Il Banco de México ha adeguato al ribasso le sue prospettive di crescita per l’economia messicana per il 2023, nella sua relazione trimestrale più recente, corrispondente al secondo trimestre del 2022.

“Per il 2022 è prevista una crescita del PIL compresa tra l’1,7 e il 2,7 per cento, con una stima centrale di 2,2 punti percentuali. Per il 2023 è prevista un’espansione del PIL compresa tra lo 0,8 e il 2,4 per cento, con una stima centrale dell’1,6 per cento.

Le previsioni specifiche sono confrontate con le rispettive previsioni del precedente Rapporto del 2,2 e 2,4 per cento per ciascun anno.

Il report contiene anche alcuni dei rischi che possono essere visti nell’orizzonte di previsione. Tra questi, in primo luogo, si osserva una minore domanda esterna, in particolare dagli Stati Uniti, che influenzerebbe l’attività economica in Messico.

Un altro rischio contemplato è che gli effetti della pandemia globale o dei conflitti geopolitici prolunghino o intensifichino gli effetti sul commercio e i problemi nelle catene di approvvigionamento globali.

Condizioni finanziarie più restrittive del previsto ed episodi di volatilità nei mercati finanziari internazionali possono anche influenzare i flussi di finanziamento delle economie emergenti.

Inoltre, che la ripresa della spesa per investimenti sia inferiore alle attese o insufficiente a sostenere il processo di riattivazione dell’economia e di crescita di lungo periodo. In questo senso, che le controversie legate al T-MEC contribuiscono ad aumentare l’incertezza, a scapito degli investimenti

Un ulteriore rischio è che la pandemia di COVID-19 continui a influenzare le condizioni della domanda e dell’offerta nell’economia globale, incidendo negativamente sulla ripresa dell’attività economica nazionale.

Tuttavia, gli analisti del Banco de México includono anche fattori che possono migliorare le prospettive, tra cui la tendenza al ribasso del numero di infezioni nella recente ondata e il continuo adattamento dell’economia alle condizioni imposte dalla pandemia.promuovere una ripresa più vigorosa, in particolare in quei settori la cui riattivazione è stata più lenta.

Si prevede inoltre che, nell’ambito del T-MEC, il Messico sia una destinazione interessante per gli investimenti a fronte di una riconfigurazione globale dei processi produttivi, con benefici per la sua attività economica e produttività.

Un panorama simile si rileva nell’ultimo sondaggio condotto dalla Banca del Messico tra gli analisti del settore privato. Gli analisti privati ​​hanno abbassato le loro previsioni di crescita per il 2023 dall’1,51 all’1,31%.

Per il 2024, gli analisti privati ​​hanno anche abbassato le loro prospettive di crescita dall’1,91 all’1,88%.

Tra i problemi menzionati dai consulenti privati ​​per la crescita a breve termine vi sono l’insicurezza, la mancanza di uno stato di diritto e le pressioni inflazionistiche.

Come si vede, tutto sembra indicare che, almeno in termini di crescita, avremo un “sei anni” perso.

la produttività diminuisce

Durante il secondo trimestre del 2022, l’indice globale di produttività del lavoro dell’economia (IGPLE) basato sulle ore lavorate è diminuito a un tasso annuo del 3,0%, secondo le informazioni fornite da INEGI.

Il calo più forte si è registrato nel settore terziario, che comprende commercio, trasporti e servizi, che ha registrato una contrazione di 4,5 punti percentuali.

Il calo della produttività è una conseguenza della mancanza di dinamismo mostrato dagli investimenti, praticamente in tutto ciò che passa dall’attuale amministrazione.

Lascia un commento