Come diventare allevatore di gatti?

Ebbene, sono due le associazioni autorizzate dal Mipaaf a tenere il libro genealogico per le razze di gatto: una è l’Associazione Nazionale Felina Italiana (Anfi), l’altra è Associazioni Feline Federate (AFeF). Per diventare allevatori di gatti, è comunque necessario ottenere il rilascio dell’affisso da una di esse.

Per iniziare, recatevi presso un allevatore di fiducia e di esperienza. Da questo acquistate un numero di gatti non eccessivo, ma sicuramente di grande qualità per cominciare il processo riproduttivo. Il vostro obiettivo sarà quello di ottenere pedigree di terza a quinta generazione.

Quanto si guadagna con un allevamento di gatti?

Ma prima di parlare di passione travolgente vorrei fugare ogni dubbio circa un facile e frequente fraintendimento: ad allevare gatti non ci si guadagna niente, MAI. Non ci credete e va bene. Non siete né i primi né gli ultimi. Però se questo è il vostro progetto informatevi bene prima di cominciare che poi son dolori!

Come Ottenere l affisso ANFI?

In parole povere, per poter chiedere l’affisso è necessario essere intestatari di una femmina, fare una cucciolata e dichiararne la nascita al Libro Genealogico. La prassi, in ANFI, prevede che l’affisso venga richiesto contestualmente alla richiesta di pedigree della cucciolata.

Come vendere gatti di razza?

In Italia non si possono vendere cani o gatti di razza senza pedigree. La violazione di tale obbligo fa scattare una sanzione [1]. Quindi, non è illegale vendere un cane o un gatto senza pedigree, ma è illegale farlo se questi animali vengono venduti come “di razza”.

Quanto costa fare un allevamento di gatti?

Se tutto va bene e non ci sono problematiche nel parto e i cuccioli sono sani la spesa per una cucciolata è di circa 6000 euro, il che può variare tantissimo, a seconda delle problematiche in cui si va in contro.

Cosa fare per iniziare ad allevare gatti di razza?

I requisiti per diventare allevatore di gatti A quel punto l’iter da seguire è in anzitutto associarsi pagando una quota che dovrà essere rinnovata annualmente. Bisogna poi procedere ad avere almeno una cucciolata (dopo la seconda scatterebbe comunque l’obbligo di affisso).

Quanto guadagna un allevatore?

Lo stipendio minimo e massimo di un Lavoratori specializzati nell’allevamento del bestiame e nella produzione del latte – da 873,72 € a 2.104,86 € al mese – 2021.

Quanto si guadagna con una cucciolata?

Quanto si guadagna con una cucciolata? Tralasciando casi eccezionali e calcolando un prezzo medio di 1.000/1.200 euro a capo, il conto è presto fatto… Se vendi l’intera cucciolata di 30 capi avrai in media un ricavo di 30.000 euro all’anno, da cui dovrai detrarre i costi per le spese correnti e le tasse.

Quanto costa la monta di un gatto di razza?

caso di pagamento di monta: il costo di una monta minimo si attesta intorno ai 600-700 euro. caso di pagamento controvalore di un Gattino: qualora venga pattuito il controvalore di un Gattino (e non la scelta) si suggerisce che la cifra pattuita sia aumentata di un 20-30% qualora ilnumero di Gattini sia superiore a 5.

Come si fa a diventare allevatori di gatti?

Per iniziare, recatevi presso un allevatore di fiducia e di esperienza. Da questo acquistate un numero di gatti non eccessivo, ma sicuramente di grande qualità per cominciare il processo riproduttivo. Il vostro obiettivo sarà quello di ottenere pedigree di terza a quinta generazione.

Come si fa a vendere cuccioli?

180 euro (modello B) se intestato al nuovo proprietario. 200 euro (modello B) se intestato all’allevamento. 22 euro costo all’utente/proprietario finale che ritira il pedigree in sede ENCI.

Quando guadagna un allevatore?

Ebbene, sono due le associazioni autorizzate dal Mipaaf a tenere il libro genealogico per le razze di gatto: una è l’Associazione Nazionale Felina Italiana (Anfi), l’altra è Associazioni Feline Federate (AFeF). Per diventare allevatori di gatti, è comunque necessario ottenere il rilascio dell’affisso da una di esse.

Come fare l’allevatore?

Per aprire un allevamento di cani la normativa di riferimento è la legge n. 349 del 1993 che classifica l’attività cinotecnica come una vera e propria attività agricola. Questo soprattutto qualora i redditi che ne derivano siano prevalenti rispetto a quelli di altre attività non agricole svolte dal titolare.

Come aprire un allevamento di cani di razza?

Verifica il tuo stipendio Un Lavoratori specializzati nell’allevamento del bestiame e nella produzione del latte percepisce generalmente tra 922 € e 1.492 € lordi il mese all’inizio del rapporto di lavoro. Dopo 5 anni, la retribuzione è tra 1.048 € e 1.709 € il mese per una settimana lavorativa di 40 ore.

Quanto guadagna un allevatore di mucche?

Lo stipendio minimo e massimo di un Lavoratori specializzati degli allevamenti avicoli – da 904 € a 2.228 € al mese – 2022. Un Lavoratori specializzati degli allevamenti avicoli percepisce generalmente tra 904 € e 1.476 € lordi il mese all’inizio del rapporto di lavoro.

Quanti soldi ci vogliono per aprire un allevamento di cani?

Guadagno allevatore di cani a quanto ammonta? Il guadagno può variare molto, da un minimo di 200 euro fino ad un massimo di 3.000 euro. Il costo incide molto sul tipo di servizio offerto, sul luogo dell’allevamento e sulla razza del cane.

Cosa fare per diventare allevatore?

Le tappe obbligatorie per diventare allevatore sono le seguenti: – inserirsi nell’ambiente con buoni risultati espositivi e farsi conoscere; – superare gli esami ufficiali per l’esenzione dalle tare genetiche; – scegliere un riproduttore che vada d’accordo con la nostra fondatrice.

Lascia un commento