Come sono stati trovati gli americani rapiti a Matamoros?

[ad_1]

La denuncia anonima che ha permesso alle autorità messicane raggiungere una cabina dove sono stati menzionati quattro americani rapiti, uomini armati, persone con gli occhi bendati e molto movimento in una fattoria in una zona remota.

Le autorità si sono recate in una zona rurale a est della città di matamoros martedì mattina, prima in autostrada e poi su strade sterrate alla ricerca del luogo descritto, secondo i documenti di indagine locali esaminati da The Associated Press venerdì.

Alla fine hanno visto il cabina di legname lontano dalle case o dai negozi, circondato dalla boscaglia, e anche un pick-up bianco parcheggiato all’esterno uguale a quello su cui sono stati caricati gli americani venerdì scorso. Poi hanno sentito qualcuno gridare: “Aiuto!”

All’interno della cabina, secondo i documenti, Latavia “Tay” McGee ed Eric Williams erano bendati. Accanto a loro c’erano i corpi di Shaeed Woodard e Zindell Brown, avvolti in coperte e sacchetti di plastica. All’arrivo delle autorità messicane, McGee e Williams hanno urlato loro disperatamente in inglese.


UN vigile dove ha cercato di scappare attraverso una porta sul retro ed è stato rapidamente arrestato, secondo i documenti. Indossava un giubbotto in stile militare, anche se non si dice che fosse armato.

Cosa ci facevano gli americani a Matamoros?

I quattro americani erano entrati matamorosstato di Tamaulipas, dal Texas perché McGee stava per sottoporsi a un intervento di chirurgia estetica. Verso mezzogiorno, gli americani sono stati fucilati nel centro della città e poi caricati sul camioncino. Un’altra amica, rimasta nella città texana di Brownsville, ha chiamato la polizia dopo che non era riuscita a raggiungere il gruppo che aveva varcato il confine. Anche una donna messicana, Areli Pablo Servando, 33 anni, è morta, apparentemente per un proiettile vagante.

In un messaggio scritto su a cartone Abbandonato sulla scena e il cui contenuto è stato fornito all’Associated Press da un agente di polizia di Tamaulipas, il Grupo Escorpión del Cartello del Golfo si è scusato con i residenti di Matamoros, così come con Servando, le quattro vittime statunitensi e le loro famiglie.

Ma le famiglie degli americani rapiti hanno sottolineato che il presunto Scusa non sono offuscati dal dolore che i loro cari sono stati uccisi o feriti.


Il padre di Woodward si è detto sorpreso di sentire che il cartello si era scusato per il violento rapimento registrato in un video che si è rapidamente diffuso sui social media.

«È un’intera settimana che cerco di dargli un senso. ero irrequieto; Non riuscivo a dormire o mangiare. È pazzesco vedere il proprio figlio portato via da te in quel modo, in un modo così violento. Non se lo meritava”, ha detto giovedì James Woodward ai giornalisti.

Il cugino di Williams, che è stato colpito alla gamba sinistra durante il rapimento, ha detto che la sua famiglia si sente “molto bene” sapendo che è vivo, ma non accetta scuse dal cartello.

“Non cambierà nessuna delle sofferenze che abbiamo attraversato”, ha detto giovedì all’AP Jerry Wallace. Wallace, 62 anni, ha invitato i governi degli Stati Uniti e del Messico ad affrontare in modo più efficace la violenza dei cartelli.

Gli Stati Uniti ‘prendono provvedimenti’ in merito

L’ambasciatore degli Stati Uniti Ken Salazar ha detto ai giornalisti venerdì che i funzionari del suo paese avevano comunicato direttamente con il Presidente Il messicano Andrés Manuel López Obrador durante il fine settimana per chiedere il suo aiuto per localizzare gli americani scomparsi a Matamoros. Ha affermato che il cartello lì “deve essere smantellato”.

Giorni dopo, un messaggio attribuito al cartello del Golfo condannava le violenze e diceva di aver consegnato alle autorità i propri membri responsabili dell’accaduto.

“Abbiamo deciso di consegnare i diretti interessati e responsabili degli eventi, che in tutto momento in cui hanno agito per propria decisione e indisciplina”, si legge nel messaggio, che aggiunge che questi individui erano andati contro le regole del cartello, che includono il rispetto “della vita e dell’integrità degli innocenti”.

Una foto di cinque uomini legati a testa in giù sul marciapiede ha accompagnato il messaggio, che un funzionario ha condiviso con l’AP a condizione di anonimato perché non autorizzato a farlo.

Lo ha detto un altro funzionario della sicurezza di stato cinque uomini erano stati trovati ammanettati all’interno di uno dei veicoli che le autorità stavano cercando, insieme al messaggio. Il funzionario ha anche chiesto l’anonimato perché non era autorizzato a commentare il caso.

Venerdì, il procuratore generale di Tamaulipas Irving Barrios ha dichiarato su Twitter che cinque persone legate all’incidente sono state arrestate con l’accusa di rapimento aggravato e omicidio. “Un’altra persona, arrestata nei giorni scorsi, era collegata al processo”, ha aggiunto.

[ad_2]

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *