Cos’è SIAVI, la piattaforma dati sul commercio estero che presto scomparirà?

[ad_1]

Per molti anni il Sistema Informativo Tariffario Internet (SIAVI) ha funzionato come un database completo e affidabile delle operazioni di commercio estero del paese, tuttavia, inaspettatamente il Ministero dell’Economia smesso di aggiornarlo.

L’ultimo aggiornamento SIAVI disponibile ha dati disponibili fino a novembre 2021, cioè un anno fa.

Questa azione potrebbe causare problemi legali con i partner commerciali del Messico, in particolare i membri del Trattato tra Messico, Stati Uniti e Canada (T-MEC), poiché l’accordo richiede trasparenza e accesso alle informazioni, soprattutto quando ci sono indagini su quote, tutele e pratiche di dumping, secondo una fonte anonima del ministero dell’Economia.

Di recente, il ministero dell’Economia ha dovuto affrontare vari cambiamenti dopo le dimissioni di Tatiana Clouthier in ottobre e l’arrivo nell’unità dell’attuale segretario Raquel Buenrostro.

Il Ministero dell’Economia ha ricevuto tagli ai costi e al personaleper il quale hanno abbandonato il progetto, secondo la fonte consultata.

Ma, a tutto questo, che cos’è questa piattaforma tariffaria?

Cos’è SIAVI?

Il Sistema Informativo Tariffario Internet (SIAVI) è uno strumento online che contiene tutto lo storico delle tariffe e Operazioni di commercio estero dal paese.

Questo strumento ha informazioni tariffarie e regolamenti su import ed export. Inoltre, fornisce informazioni sui cambiamenti che si sono verificati a causa delle modifiche all’aliquota della legge generale sulle tasse di importazione ed esportazione, secondo la pagina dello strumento.

In altre parole, la SIAVI ospita tutti i dati a cui si fa riferimento Importazioni ed esportazioni dal Messico da 2003 e ad oggi.

Questo sintetizzatore ha i dati di quali merci hanno preferenze tariffariesecondo gli accordi commerciali in vigore sottoscritti dal Messico.

La piattaforma spiega che la sezione delle statistiche SIAVI viene aggiornata mensilmente e possono esserci ritardi fino a tre mesi, poiché i dati sulle transazioni commerciali effettuate in dogana vengono prima rivisti dalla Banca del Messico (Banxico), e poi diventano ufficiali.

Se un’azienda o un ente vuole iniziare ad importare o esportare i propri prodotti, ad esempio, le informazioni SIAVI sono utili in quanto è possibile indagare in dettaglio i requisiti normativi, oltre ai suoi dati puoi analizzare in quali paesi puoi importare o esportare, a seconda della piattaforma stessa.

Per la parte statistica, SIAVI raccoglie informazioni dal Servizio di Amministrazione Tributaria (SAT), dal Ministero dell’Economia, Banxico e dall’Istituto Nazionale di Statistica e Geografia (INEGI).

Nel maggio 2021, l’ex sottosegretario al Commercio estero, Luz María de Mora, ha presentato il SIAVI versione 5.0, che incorporerebbe strumenti per l’accesso da dispositivi mobili e il nuovo NICO (Commercial Identification Number). Cinque mesi dopo il progetto è stato abbandonato.

Sul sito ufficiale della SIAVI è apparso in alto un riquadro rosso che indicava che “Tale sistema non continuerà ad essere aggiornato a partire da febbraio 2022 (dati disponibili fino a novembre 2021), secondo quanto previsto dal “Legge del Sistema Informativo Statistico e Geografico Nazionale”.

Si segnala inoltre che le informazioni commerciali verranno ora aggiornate sui siti web di Inegi e Banxico, mentre le disposizioni tariffarie saranno pubblicate nel DOF.

Secondo la Gazzetta Ufficiale della Federazione, sia la Banca del Messico che l’INEGI saranno responsabili di continuare a registrare il dati sul commercio esteroma le statistiche sono incomplete poiché non ci sono informazioni sul volume.

La scomparsa della SIAVI ‘potrebbe causare problemi’

La scomparsa delle informazioni SIAVI è una questione “serio” perché il Messico ha impegni con l’ufficio statistico delle Nazioni Unitecosì come impegni prima del T-MEC e il resto dei paesi con cui ci sono accordi commerciali.

“Per noi potrebbe comportare un risvolto legale, ovvero che in questo momento che il T-MEC è al vaglio in materia di controversie, la questione potrebbe sorgere e renderla esecutiva, che rispettiamo perché è una questione di trasparenza e di accesso all’informazione pubblica”, ha affermato la fonte consultata da La finanziaria.

Attualmente, qualsiasi partner commerciale che richieda i dati deve rivolgersi direttamente al Ministero dell’Economia, e ciò non dovrebbe essere dovuto al fatto che l’informazione potrebbe essere considerata una fonte inaffidabile in quanto non resa pubblica.

Con informazioni da Jasiel Valdelamar.

[ad_2]

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *