Crisi finanziaria globale 2008-2009 (I)



Il 2 agosto, il Comitato per la datazione dei cicli dell’economia messicana (CFCEM) ha annunciato l’identificazione di dodici punti di svolta che inquadrano sei recessioni e cinque periodi di espansione dell’economia messicana dal 1980 al 2020. Ho commentato personalmente in questo spazio sulle sei recessioni individuate dal Comitato. La scorsa settimana ho commentato la quarta recessione (“Crisi delle società Internet 2000-2002”, 6 settembre) e questa volta commenterò la quinta che ho deciso di intitolare: ‘Crisi finanziaria globale del 2008’, come viene chiamata da allora ha chiamato a livello globale. Questa recessione è iniziata a luglio 2008 e si è conclusa a maggio 2009. Va notato che questo ciclo economico è stato caratterizzato da due eventi molto rilevanti: (1) La Crisi Economico-Finanziaria Globale del 2008-2009 (CFG), iniziata negli Stati Uniti; Y (Due) L’epidemia di influenza A(H1N1) o “influenza suina” il cui focolaio iniziale è apparso in Messico. A causa della complessità e dei dettagli che voglio scrivere su questa recessione, ho deciso di dividerla in due. Questa è la prima parte.

Questa recessione è iniziata con una serie di eventi finanziari negli Stati Uniti, ma ha avuto un impatto globale. Le nuove tecnologie, la ricerca del rendimento e l’innovazione finanziaria, in un mercato fortemente deregolamentato, hanno portato alla creazione di strumenti finanziari più complessi. Questi derivati ​​finanziari erano legati ad altri tipi di attività, comprese le obbligazioni garantite da ipoteca. I nuovi strumenti finanziari hanno modificato le dinamiche in cui le banche e le altre istituzioni hanno originato prestiti garantiti da immobili. I cedenti erano ora in grado di concedere un numero maggiore di prestiti ipotecari poiché potevano scaricare questi prestiti in obbligazioni garantite da ipoteca, che sono state acquistate dai partecipanti ai mercati finanziari. Allo stesso modo, il “raggruppamento” dei mutui ad alto rischio, con quelli a medio e basso rischio, ha comportato un rischio medio “accettabile” per i partecipanti al mercato, incoraggiando i cedenti ad abbassare gli standard di concessione del credito e ad offrire mutui a uno spettro più ampio della piramide socioeconomica .

La richiesta di una maggiore varietà di questi strumenti – in termini di rischio e rendimento – è cresciuta fino a creare strumenti con un maggior numero di mutui ad alto rischio.subprime‘. Per ridurre il rischio di tasso di interesse, un gran numero di mutui è stato strutturato con tassi di interesse variabili o ARM (Mutui a tasso variabile). La valutazione di questi strumenti era complessa, motivo per cui, da un lato, un gran numero di istituzioni finanziarie non poteva misurare adeguatamente ciò che stavano affrontando, mentre dall’altro, quelle più sofisticate volevano incorrere in un rischio maggiore, offrendo un falso senso di ‘tranquillità’ per i meno sofisticati. Il forte incremento dei mutui ha dato impulso alla domanda di immobili che, a sua volta, ha generato un andamento al rialzo dei prezzi, aggravando il senso di tranquillità per tutti. Alla fine della giornata, se un mutuo diventasse impagabile, il prezzo di vendita della garanzia sarebbe superiore al prestito. Allo stesso modo, i cedenti hanno anche offerto nuovi mutui a chi li aveva già, ma con importi maggiori, adeguando il capitale che gli restava da pagare, al nuovo prezzo degli immobili, che nella maggior parte dei casi era notevolmente superiore al prezzo di che avevano originariamente acquistato.

Dal canto suo, la velocità con cui sono stati creati questi strumenti finanziari ha avuto altre due conseguenze. Da un lato ha ridotto la capacità analitica delle agenzie di rating che, invece di effettuare un’analisi più approfondita, hanno preferito sacrificare il livello di rigore per continuare ad addebitare commissioni. D’altra parte, tale rapidità, unita al grado di complessità degli strumenti, ha fatto sì che i regolatori non avessero la capacità di comprendere e misurare i rischi e vigilare adeguatamente. Ciò è stato esacerbato quando le autorità di regolamentazione hanno perso capitale umano. poiché le istituzioni finanziarie che hanno generato questi strumenti avevano bisogno di assumere un numero maggiore di dipendenti e in molte occasioni hanno assunto coloro che lavoravano negli istituti di regolamentazione, attirandoli con stipendi più elevati. Pertanto, nel momento in cui la Federal Reserve Bank (Fed) degli Stati Uniti ha iniziato un ciclo di inasprimento dei tassi di interesse a metà del 2004 dall’1,00 per cento di maggio 2004 al 5,25 per cento di agosto 2006, l’aggiustamento che ha avuto luogo nei mercati è stato significativo, a cominciare da il mancato pagamento di mutui ad alto rischio osubprime‘, che ha generato un forte aumento del portafoglio scaduto e una perdita di valore sia degli strumenti garantiti da ipoteca che di molti dei derivati ​​legati a tali strumenti.

Ciò ha causato un effetto domino in tutto il sistema finanziario a livello globale, che ha infettato banche di investimento, banche commerciali, compagnie assicurative, fondi comuni di investimento e fondi pensione, nonché hedge fund (hedge fund) e risparmiatori. Permeò anche le tesorerie delle società e delle stesse banche centrali, dove anche parte delle loro riserve internazionali erano state investite in questo tipo di strumenti. Ciò ha causato un drammatico aumento dell’avversione al rischio e il dollaro si è rafforzato in modo significativo, nonostante fosse la valuta del paese in cui è iniziata la crisi (continua…).

* L’autore è Chief Economist per l’America Latina presso Barclays Bank e membro del Committee for Dating Cycles of the Mexican Economy

* Le opinioni espresse in questa colonna sono personali.

Lascia un commento