Cronaca di una passeggiata

10:00 Cammino verso la marcia. Il governo di Claudia Sheinbaum ha decretato una “contingenza ambientale” per gli alti livelli di contaminazione, ma ha consentito la “gita in bicicletta” su diversi viali importanti della città.

10:30 Riempi la rotonda dell’Angelo. Musica. Atmosfera festiva. Molte persone vestite di rosa, i colori dell’INE. Contingenti organizzati e persone arrivate da sole. Il tamburo suona. Bambini, adulti e anziani. Predominano gli adulti. Mestizos e güeros. Sventolano bandiere messicane. Persone, felici, di buon umore, che fanno battute. Grande bando per la “Marcia in Difesa dell’INE”. Cielo argentato dall’ozono. Gli elicotteri volano sopra la testa. Diversi droni documentano la marcia. Una marcia essenzialmente cittadina. “No alla riforma, l’INE non si tocca”. Partecipano persone di tutte le classi sociali, anche se si notano principalmente persone della classe media.

10:50 La gente continua a radunarsi attorno all’Angelo dell’Indipendenza. La marcia non è ancora iniziata. C’è molta aspettativa. “L’INE non viene toccato”, cantano le persone. Striscioni contro López Obrador. Bambole López Obrador, nelle sue mani porta buste gialle. Contingenti e bandiere del PRD. Contingenti di pane. I venditori ambulanti offrono bottiglie d’acqua. Le persone si coprono dal sole con cappelli rosa. Coreano: “Me-xi-co, Me-xi-co”. La gente applaude.

11.10 Continuiamo senza lasciare l’Angelo. I commenti vengono ascoltati. “Non permetteremo che prenda il controllo dell’INE”. “Se finiamo l’INE, la democrazia viene cancellata”. Le persone continuano ad arrivare. La marcia finalmente inizia. Tutti i tipi di bandiere, ma predominano quelle rosa. Lo slogan più sentito: “Per difendere l’INE, è per questo che sono venuto”. Un mare di striscioni. Non noto coperte con insulti. Se ne va con la dignità di difendere qualcosa di prezioso. Predomina “L’INE non viene toccato”. “La riforma centralizza il potere”. Non provo rabbia. Duecento giovani guidano la marcia, ma i giovani non sono molti. La maggior parte di loro sono persone con più di 30 anni: hanno vissuto il Messico chiuso del PRI, vedono nella riforma l’intenzione di tornare al passato, sono consapevoli di ciò che difendono.

11:30 Decine di migliaia di persone. Da dove è impossibile contare. Percorriamo tutte le corsie di Reforma e lungo i marciapiedi. “Me-xi-co, Me-xi-co”. Bambole López Obrador che rappresentano topi, sul petto si legge: Morena. La gente grida: “Vogliamo l’INE, vogliamo la libertà”. Un clima civico, senza rabbia ma la ferma pretesa: “Messico, libero!” “Messico, libertà”. Centinaia di migliaia di persone che non permetteranno che un partito al potere venga perpetuato con mezzi cattivi. “Con i voti sono arrivati, con i voti li abbiamo eliminati”.

12:10 Continuiamo sotto il sole. Ho partecipato a molte marce. Mai prima d’ora ho avuto così tanti problemi a caricare le mie foto e i miei commenti in rete. Da quello che vedo intorno a me, non sono l’unico. Siamo finalmente arrivati ​​al Monumento alla Rivoluzione. La piazza, gremita. Non c’è un’anima. Abusando un po’ del mio fisico mi faccio strada.

12:30 Interviene José Woldenberg: “Siamo qui riuniti con un unico obiettivo chiaro e trascendente: difendere il sistema elettorale costruito da diverse generazioni di messicani, che ha permesso la convivenza e la competizione della pluralità e della stabilità politica, la trasmissione pacifica dei poteri pubblici e la espansione delle libertà”.

12:40 La gente ascolta in silenzio. Applaudono. Cantano slogan. “Me-xi-co, libertà!” “Me-xi-co, libertà!” Woldenberg è enfatico: “Ci stiamo lasciando alle spalle il paese di un partito unico, di presidenzialismo oppressivo, di elezioni senza concorrenza”.

13:00 Siamo arrivati ​​in piazza senza paura. in modo ordinato. senza rabbia Pretende di essere ascoltati. Non vogliamo una regressione autoritaria. Non vogliamo un Messico uniforme. Rifiutiamo l’autoritarismo del governo. Vogliamo avere le stesse possibilità che Morena aveva per accedere al potere. Questa è la posta in gioco oggi. Vogliono dissestare il terreno, caricarlo a loro favore. Cresce la certezza che vogliono prendere il controllo dell’INE perché sanno che potrebbero perdere le elezioni. Sanno che le rivelazioni che emergono con i documenti Guacamaya (contratti, legami con narcotrafficanti, corruzione) sono in arrivo. Sanno che tutto ciò che è stato salvato negli ultimi 25 anni e tutti i soldi nei trust sono già stati spesi. Sanno che i candidati di Morena sono gonfiati e hanno i piedi d’argilla. Sanno che possono perdere, quindi vogliono controllare i voti. Ecco perché marciamo questa domenica. Centinaia di migliaia di persone non lo permetteranno.

13:10 Woldenberg chiude il suo intervento: “No alla distruzione dell’INE. No alla distruzione degli istituti locali. No alla distruzione dei tribunali locali. No alla pretesa di allineare gli organi elettorali alla volontà del governo. No all’autoritarismo. Sì alla democrazia. Sì a un Messico democratico”. Applaudiamo forte. Quando usciamo e torniamo attraverso Reforma ci sono contingenti che continuano a marciare verso il Monumento della Rivoluzione. L’INE non viene toccato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.