Dimenticano di costruire con un’unione di società

[ad_1]

Possedere un immobile è attualmente interpretato, nella maggior parte dei casi, come un bastione di privilegio e che contraddistingue l’identità, ma si dimentica che comporta anche una responsabilità: quella di integrare la comunità nello sviluppo urbano, altrimenti la crescita come società.

“Se non creiamo spazi per poter formare l’integrazione comunitaria, se non pensiamo al fattore di sviluppo della comunità, non saremo in grado di crescere come società, non abbiamo futuro se non “non avere questa integrazione”, ha avvertito Raoul Godínez Ramos, professore presso il Dipartimento di Relazioni Sociali, Affari Internazionali e Scienze Politiche dell’Instituto Tecnológico de Monterrey.

Nella sua conferenza “Storia della proprietà” che ha tenuto a un gruppo di professionisti del settore immobiliare, organizzata da Promotora Elizondo, Godínez ha ricordato che un insegnante gli ha detto che il problema dell’urbanistica nel concetto di alloggio in un centro urbano è che le bolle sono creati che non aiutano a formare una comunità di integrazione. Ha affermato che “se non verranno create reti infrastrutturali per fornire servizi di base che includono il trasporto urbano, troveremo città perdute piuttosto che nuclei di sviluppo”.

Ha ritenuto che anche gli edifici residenziali verticali, dove si utilizzano le risorse e c’è più valore aggiunto, possono fare molto per lo sviluppo della comunità.

Il professore universitario ha affermato che l’integrazione urbana ha un impatto positivo sul valore dell’immobile poiché lo accresce “enormemente”. Ha detto che l’organizzazione urbana di oggi vuole vedere una crescita incredibilmente inconcepibile.

[ad_2]

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *