Ebrard, da un altro livello

[ad_1]

Dopo il vertice dei leader nordamericani con la presenza del presidente nordamericano Joe Biden e del primo ministro del Canada, Justine Trudeau, il ministro degli Esteri Marcelo Ebrard rimbalza nelle sue aspirazioni a sostenere Morena e ostacola la competizione presidenziale.

Questo tipo di incontri richiede mesi di preparazione e pressioni permanenti ai massimi livelli per delineare l’agenda trilaterale e gli incontri bilaterali, sia su questioni di pubblico dominio che su quelle che, per la loro rilevanza, restano fuori dai riflettori.

Al di là dei risultati tangibili della visita dei Capi di Stato nel nostro Paese, e che a mio avviso sono stati poco fruttuosi a causa delle visioni contrastanti che esistono tra il presidente messicano e i suoi omologhi, diremo che questo vertice va inserito tra quelle di maggiore rilevanza, poiché ad essa vanno aggiunte la cattura di Ovidio Guzmán e l’impegno a sviluppare energia pulita, pur continuando con gli sforzi per regolamentare l’immigrazione irregolare dal Centro America e contrastare il trasferimento di droghe come il fentanyl.

Il Cancelliere Ebrard ha il grande merito di lavorare bene con i suoi colleghi, visto che non c’è solo un ottimo rapporto istituzionale, ma anche personale.

Tra i berretti Ci sono anche dei livelli e abbiamo già visto che Marcelo è ben al di sopra di Claudia Sheinbaum.

Alle prese con due dei capi di stato più influenti al mondo, il capo del governo della capitale, Claudia Sheinbaum, ha vissuto uno dei fine settimana più critici della sua amministrazione, a causa del fatale incidente avvenuto sulla linea 3 della metropolitana e in generale a causa del deterioramento del Sistema di Trasporto Collettivo in tutti i suoi rami.

Se è vero che il capo del governo ha avuto un successo con l’arresto di alcuni degli autori materiali dell’attentato contro il giornalista Ciro Gómez Leyva, è anche vero che, se non si catturano i mandanti e si chiarisce il movente, allora A poco sarà servito l’arresto di una cellula criminale a metà, che si occupa di omicidi, estorsioni e delitti legati al traffico di stupefacenti.

Claudia Sheinbaum ha già annunciato che sospenderà i suoi tour di proselitismo all’interno del paese, perché ha capito che CDMX non può essere servito con un programma limitato di soli cinque giorni alla settimana, dal momento che divide il suo tempo tra le enormi responsabilità che rappresenta governando uno dei le città più grandi e conflittuali del mondo, e consolidare il sogno di Guajiro di essere la candidata di Morena alla Presidenza della Repubblica è praticamente impossibile.

Così, mentre il capo del ministero degli Esteri, Marcelo Ebrard, ha stretto le spalle a Biden e Trudeau, la reggente ha dovuto fare un bagno in città ed entrare in metropolitana per trattare con i suoi inetti collaboratori che caricano in quell’istanza di trasporto.

Per quanto si voglia dare la colpa del crollo ad altri, come lo stesso sindacato della metropolitana, è chiaro che la mancanza di manutenzione e di budget è la ragione fondamentale del suo deterioramento.

Naturalmente, l’unico che prenderà la decisione sul corcolata Il nome del prescelto è Andrés Manuel López Obrador, che dopo gli eventi accaduti al vertice dei leader nordamericani e il fatale incidente nella metropolitana, ha sicuramente preso atto e verificato le capacità di Ebrard e Sheinbaum.

L’ex capo della delegazione di Tlalpan si è portata sul filo del rasoio con i prevedibili atti di campagna che svolge con risorse pubbliche o di origine sconosciuta. La sua più recente beffa della legge elettorale è stata l’affitto di centinaia di cartelloni su tutto il territorio nazionale. Il messaggio di #EsClaudia con il profilo del suo volto è motivo sufficiente perché i tribunali elettorali la sanzionino.

Sheinbaum si muove in un terreno paludoso e sicuramente con il passare del tempo verso la scoperta, si verificheranno più contrattempi e conflitti derivati ​​dal taglio di bilancio che è stato fatto in quasi tutte le aree del governo della capitale, così come programmi sostanziali per la popolazione. , per il per dare pane e circhi al popolo o distogliere risorse per scopi non autorizzati dal Congresso locale.

Uno si alza come schiuma e l’altro crolla mentre è trattenuto da spilli.

Necessariamente, nella riflessione che fa il presidente, senza dubbio contano i punti di forza di ciascun candidato: lealtà, capacità, ormeggi e relazioni a livello nazionale e internazionale in tutti i settori. Ebrard supera di gran lunga Claudia.

[ad_2]

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *