Gli esperti dell’UNAM spiegano la relazione tra il terremoto di magnitudo 7,7 e la cenere del vulcano Popocatépetl



Dietro il terremoto di magnitudo 7,7 sulla scala Richter che lunedì 19 settembre è stata avvertita in diverse parti del Paese, il Segretariato per la Gestione globale dei rischi e la Protezione civile ha avvertito della possibile caduta di ceneri vulcaniche dal Vulcano Popocatepetl per i 16 comuni di Città del Messico.

Lunedì pomeriggio, la spia vulcanica rilasciato dal governo di Città del Messico ha accolto il rischio nella ‘fase 2, che viene mantenuta questo martedì, quindi il Coordinamento Nazionale Protezione Civile esorta le persone a non avvicinarsi al vulcano.

L’allerta della Protezione Civile sulla caduta delle ceneri vulcaniche, e le esalazioni registrate ‘Don Goyo’, suscitato attesa per una possibile riattivazione del colosso di fuoco; tuttavia, questo lunedì, esperti dell’Istituto di Geologia e dell’Istituto di Geofisica dell’Università Nazionale Autonoma del Messico (UNAM), ha escluso tale possibilità.

L’Università ha riferito che il Vulcano Popocatepetl è in un basso periodo di attività e le emissioni di ceneri generate il 19 settembre sono le stesse rilasciate negli ultimi anni, “quindi è improbabile che il recente terremoto dentro Michoacan aumenta la tua azione

Sergio Raul Rodriguezdell’Istituto di Geologia, e il vulcanologo Robin André Campiondell’Istituto di Geofisica, ha evidenziato che le emissioni registrate a Popocatépetl hanno lasciato i consueti parametri che vengono riportati quotidianamente dal Centro nazionale per la prevenzione dei disastri (Cenapred).

Robin André Campion ha spiegato che da due anni l’attività del vulcano è stata bassa e con meno esplosioni, emissione di ceneri e nessuna crescita di grandi cupole laviche, rispetto al 2011 e al 2020, quando è stata registrata una maggiore attività vulcanica.

Gli esperti hanno sottolineato che non è possibile prevedere esattamente quando il vulcano si riattiverà, e che è normale emissione di cenere come ‘Don Goyo’ ha fatto per 27 anni. Inoltre, hanno specificato che in questa stagione le piogge portano le ceneri nell’atmosfera (le precipitazioni le portano a terra vicino al vulcano), quindi di solito non raggiungono nemmeno il CDMX.


Cosa dovresti fare prima della caduta di cenere di Popocatépetl in CDMX?

Lo ha indicato la Protezione Civile di Città del Messico devi seguire una serie di consigli per proteggersi dalla caduta della cenere vulcanica di Popocatépetl:

  • Tieniti informato attraverso i canali ufficiali.
  • Coprire naso e bocca con una sciarpa o una maschera.
  • Pulisci gli occhi e la gola con acqua pura.
  • Indossa occhiali da vista ed evita le lenti a contatto per ridurre l’irritazione degli occhi.
  • Tieni chiuse porte e finestre.
  • Non svolgere attività fisica all’aperto.
  • Coprire gli scarichi.
  • Copri i serbatoi d’acqua.
  • Non lasciare il cibo all’aperto.
  • Indossa abiti a maniche lunghe.

Se hai qualsiasi emergenza derivante dalla caduta di cenere a Città del Messico causata dal vulcano Popocatépetl è possibile contattare i seguenti recapiti telefonici:

Lascia un commento