Hanno perquisito “anche la custodia degli occhiali”; la coppia denuncia gli abusi della polizia in CDMX



Una coppia, che circolava nel quartiere Del Valle, nell’ufficio del sindaco di Benito Juárez, ha denunciato che la polizia del città del Messico li hanno fermati per eseguire una routine di “prevenzione rapimenti” e nella rassegna gli agenti hanno aperto “anche il portafoglio”.

Gli eventi sono stati registrati dall’utente Twitter, Lucia Serrano, che è la fidanzata dell’autista trattenuto e sui social si identifica come una tatuatrice e illustratrice messicana.

L’utente ha accusato che i poliziotti glielo avessero chiesto i documenti del suo ragazzo per dimostrare la sua nazionalità e, durante la revisione, ha assicurato di essere stata mandata a cercare il passaporto del suo compagno “per lasciarlo solo” con gli uomini in uniforme.

“Gli agenti di polizia hanno preso il mio ragazzo e me come una routine di ‘prevenzione dei rapimenti’, hanno iniziato a chiedere al mio ragazzo i documenti di immigrazione e volevano che andassi a prendere il suo passaporto per lasciarlo in pace, mi hanno persino aperto il portafoglio”, ha spiegato.

Nei video, puoi vedere come uno dei la polizia della capitale Apre la borsa della donna e fruga tra le sue cose, oltre ad aprire la custodia degli occhiali e il portafoglio: “Ci sono i suoi soldi, non ho preso niente, ci sono tutte le sue carte. Lì li lascio di nuovo come li ho trovati“, lui rispose.

Durante la ricerca, Lucía Serrano riesce a catturare le targhe del pattuglia MX-543-N1 e consente agli elementi di continuare a controllare l’interno della tua auto. Nello scambio di parole, uno degli elementi gli dice: “purtroppo non abbiamo un’ottima reputazione, vero?”.

Dopo la denuncia pubblicata sui social network, l’utente ha spiegato che il direttore delle indagini di polizia degli affari interni l’ha contattata e ha confermato che gli agenti di polizia hanno commesso un reato, quindi presenterà la sua denuncia fisicamente.

“Domani abbiamo un appuntamento per la denuncia faccia a faccia e saranno già sanzionati”, ha concluso.



Lascia un commento