Il governo del Brasile punirà i bolsonaristi che hanno aggredito i tre poteri

[ad_1]

Le autorità brasiliane stavano raccogliendo e indagando lunedì dopo che migliaia di sostenitori dell’ex presidente Jair Bolsonaro hanno preso d’assalto il Congresso, la Corte suprema federale e il palazzo presidenziale e poi hanno devastato le principali sedi del potere del paese.

I manifestanti hanno chiesto un intervento militare che riportare al potere Bolsonaro di estrema destra o espellere il presidente di sinistra Luiz Inácio Lula da Silvaappena installato in carica, in scene di caos e distruzione che ricordano l’insurrezione del 6 gennaio 2021 al Campidoglio degli Stati Uniti.

I rivoltosi vestiti con i colori verde e giallo della bandiera nazionale hanno sfondato finestre, rovesciato mobili e gettato a terra computer e stampanti. Hanno trafitto in cinque punti un enorme dipinto di Emiliano Di Cavalcanti, ribaltato il tavolo a forma di U dove si riuniscono i giudici della Corte Suprema Federale, abbattuto la porta dell’ufficio di un giudice e vandalizzato una statua emblematica davanti alla Corte. Gli interni degli edifici monumentali sono stati lasciati in uno stato di rovina.

Lo ha detto domenica sera in una conferenza stampa il ministro brasiliano delle relazioni istituzionali avrebbero ispezionato gli edifici per prove come impronte digitali e immagini per ritenere le persone responsabili, osservando che i rivoltosi apparentemente intendevano intraprendere azioni simili in tutto il paese. Il ministro della Giustizia Flávio Dino ha affermato che gli atti ammontavano a terrorismo e minaccia di colpo di stato e che le autorità avevano iniziato a identificare le persone che avevano pagato gli autobus che portavano i manifestanti nella capitale.


“Non riusciranno a distruggere la democrazia brasiliana. Dobbiamo dirlo con forza, con tutta la fermezza e la convinzione”, ha detto Dino. “Non accetteremo la via della criminalità per combattere battaglie politiche in Brasile. Un criminale è trattato come un criminale.

Per adesso 300 persone sono state arrestatesecondo Twitter la polizia civile del distretto federale.

Bolsonaro ha seminato sfiducia nel voto elettronico

Nei mesi che seguirono la sconfitta elettorale di Bolsonaro il 30 ottobre, il Brasile era nervoso, diffidente nei confronti di qualsiasi percorso il presidente uscente potesse intraprendere per aggrapparsi al potere. Bolsonaro aveva smazzato tra i suoi seguaci più fedeli il convinzione che il sistema di voto elettronico fosse soggetto a frode, anche se non ha mai presentato alcuna prova. E suo figlio, il legislatore Eduardo Bolsonaro, tenuto diversi incontri con l’ex presidente degli Stati Uniti Donald TrumpSteve Bannon, alleato di lunga data di Trump e suo importante consigliere per la campagna Jason Miller.

I risultati delle elezioni brasiliane – le più ravvicinate in tre decenni – sono stati rapidamente riconosciuti dai politici di tutto lo spettro politico, inclusi alcuni alleati di Bolsonaro e dozzine di governi. E Bolsonaro ha sorpreso quasi tutti scomparendo alla vista. Non ha ammesso la sconfitta né denunciato brogli, anche se lui e il suo partito hanno chiesto l’annullamento di milioni di voti, richiesta prontamente respinta.


Il I brasiliani usano il voto elettronico dal 1996. Gli esperti di sicurezza elettorale lo considerano un sistema meno sicuro rispetto alle schede segnate a mano perché non lasciano un documento cartaceo verificabile. Tuttavia, il sistema brasiliano è attentamente sorvegliato dalle autorità e dagli osservatori internazionali, che non hanno mai trovato prove di manipolazione per commettere frodi.

Comunque, I sostenitori di Bolsonaro hanno respinto i risultati. Hanno bloccato le strade e si sono accampati davanti agli edifici militari, sollecitando l’intervento delle forze armate. Le proteste sono state in gran parte pacifiche, sebbene minacce isolate di terrorismo – come una bomba trovata in un camion di carburante in rotta verso l’aeroporto di Brasilia – hanno sollevato preoccupazioni per la sicurezza.

Due giorni prima dell’insediamento di Lula, il 1° gennaio, Bolsonaro è volato negli Stati Uniti e si è stabilito temporaneamente a Orlando. Molti brasiliani hanno espresso sollievo per il fatto che, anche se ha rifiutato di partecipare alla transizione del potere, la sua assenza ha permesso che avvenisse senza incidenti.

O almeno così è stato, fino a domenica.

“Il Il bolsonarismo imita le stesse strategie del Trumpismo. Il nostro 8 gennaio, una manifestazione senza precedenti nella politica brasiliana, è chiaramente copiato dal 6 gennaio in Campidoglio”, ha dichiarato Paulo Calmon, professore di scienze politiche all’Università di Brasilia. “I tristi episodi di oggi rappresentano un nuovo tentativo di destabilizzazione della democrazia e dimostrano che il radicalismo populista e autoritario dell’estrema destra brasiliana è ancora attivo sotto il comando dell’ex presidente Bolsonaro, il ‘Trump dell’America Latina’”.

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Bidenha descritto i disordini come un “attacco alla democrazia e al trasferimento pacifico del potere in Brasile” in un tweet, dicendo che era non vedo l’ora di continuare a lavorare con Lula.

Cosa farà il governo di Lula con i manifestanti?

In una conferenza stampa dallo stato di San Paolo, Lula ha letto un decreto recentemente firmato dal governo federale per assumere la sicurezza nel distretto federale. Il I “fanatici fascisti” e tutti coloro che hanno finanziato le loro attività devono essere puniti, lui ha indicato. Il presidente ha anche accusato Bolsonaro di averli spinti all’insurrezione.

Bolsonaro ha respinto l’accusa del presidente Domenica sera. In un tweet, ha affermato che la protesta pacifica fa parte della democrazia, ma il vandalismo e l’invasione di edifici pubblici sono “eccezioni alla norma”. Non ha menzionato specificamente le azioni dei manifestanti a Brasilia.

“Ovviamente, è il mentore intellettuale di ciò che sta accadendo, quindi non può prendere le distanze da esso”, ha detto Mario Sérgio Lima, analista politico di Medley Advisors. “Queste i gruppi sono stati creati da lui, dal radicalismo che ha imposto alla politica. E non c’è modo di disfarsene (…) Sembra che il suo gruppo abbia già varcato il Rubicone”.

La polizia brasiliana sarà punita per “malafede”

A differenza dell’attacco del 2021 negli Stati Uniti, pochi funzionari hanno lavorato di domenica nei principali edifici governativi. E i video dell’evento hanno mostrato a limitata presenza della polizia militare della capitale. Ciò ha lasciato molti in Brasile a chiedersi se la polizia avesse ignorato i numerosi segnali di avvertimento, sottovalutato le loro capacità o se fosse stata in qualche modo complice.

Un video ha mostrato un gruppo di manifestanti che si fanno strada attraverso una barricata polizia dopo a piccola lotta, e solo pochi agenti hanno usato gas lacrimogeni. In un altro, gli agenti sono stati visti in piedi mentre i manifestanti hanno preso d’assalto il Congresso, incluso uno che stava registrando immagini con il suo cellulare.

“Questo è stato un grave errore da parte del governo del distretto federale. Era una tragedia annunciataha affermato Thiago de Aragão, direttore della strategia presso la società di consulenza politica Arko Advice con sede a Brasilia. “Tutti sapevano che (i manifestanti) stavano arrivando a Brasilia. Il governo del distretto federale avrebbe dovuto preparare una risposta per proteggere la capitale. Non hanno fatto nulla di tutto ciò”.

Alla sua conferenza stampa, Lula ha denunciato “incompetenza o malafede” da parte della polizia e ha promesso che alcuni sarebbero stati puniti.

Il governatore del distretto federale, Ibaneis Rocha, ha confermato su Twitter che c’era stato licenziato il capo della pubblica sicurezza della capitaleAnderson Torres. Lo riferiscono i media locali Torres era a Orlando in vacanza e che ha negato di aver incontrato Bolsonaro lì.

“Due anni dopo il 6 gennaio, l’eredità di Trump continua ad avvelenare il nostro emisfero”, ha twittato il senatore americano Bob Menendez, che presiede la commissione per le relazioni estere del Senato, aggiungendo di aver incolpato Bolsonaro per aver incitato le azioni a Brasilia. “Proteggere la democrazia e ritenere responsabili gli attori malvagi è essenziale”, ha affermato.

[ad_2]

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *