Il Messico vincente

[ad_1]

Ogni giorno riceviamo notizie dei mille problemi di ogni tipo che soffriamo in Messico.

Ma è raro che li abbiamo i grandi successi che abbiamo.

In un ambiente di polarizzazione e insicurezza, a volte chi sta bene o molto bene, soprattutto in ambito economico, preferiscono passare inosservati.

Uno di questi settori è il Messico esportatore. Sta facendo bene ora, ma in generale ha fatto bene negli ultimi 30 anni.

L’INEGI ha annunciato questa settimana che il valore delle esportazioni del Paese nel mese di agosto è stato pari a 50 mila 670 milioni di dollari.

Per la quarta volta quest’anno supera i 50 miliardi di dollari in un solo mese. Il suo tasso di crescita annuale supera 25 per cento.

Facciamo un piccolo ricordo, nell’agosto del 1993, pochi mesi prima dell’entrata in vigore del NAFTA, le esportazioni del Paese ammontavano a 4mila 219 milioni di dollari.

Al giorno d’oggi, tra due giorni e mezzo l’equivalente di ciò che è stato esportato in un mese intero 29 anni fa.

Il tasso di crescita medio annuo è 8,6 per cento.

E in particolare nelle esportazioni manifatturiere la cifra è anche leggermente superiore, da 8,9 per cento.

A volte perdiamo di vista cosa significhi crescere a un tasso dell’8,9 per cento per quasi 30 anni.

Fammi fare un confronto. Se l’economia nel suo insieme fosse cresciuta durante questo periodo come fecero le esportazioni manifatturiere, il valore del PIL oggi sarebbe sei volte superiore quello che abbiamo davvero.

Il profilo del Messico sarebbe completamente diverso e saremmo forse una delle nazioni più prospere del mondo.

Il tasso annuo di crescita della nostra economia per tutto questo periodo è stato 2,0 per cento anno.

Questo contrasto si osserva anche negli enti federali. Queretarouno stato che è diventato un produttore, ha un tasso di crescita di 3,5 per cento media per tutto questo periodo. L’attuale città del Messico (ex Distretto Federale), che non ha saputo trovare la sua vocazione, è cresciuto a malapena fino all’a 1,7 per cento in media.

Non si tratta solo di produzione. Il settore agricolo messicano ha anche diverse aree in cui è diventato un vincitore.

Il valore totale del esportazioni agricole dal paese è cresciuto di quasi 12 volte nel periodo che stiamo considerando. Il suo tasso medio annuo era dell’8,4 per cento all’anno e ha completamente cambiato il profilo della campagna messicana in varie entità della Repubblica.

Il problema che abbiamo avuto come Paese è questo quel Messico vincente che è stato osservato in più settori e regioni non può essere generalizzato.

Continuiamo con una grande zavorra.

Il risultato, ad esempio, è quello PIL pro capite in questi quasi tre decenni è cresciuto a malapena a un tasso medio annuo di 0,7 per cento all’anno.

Qual è stata la chiave per raggiungere questi risultati esportando il Messico e perché non sono stati generalizzati al nostro Paese nel suo insieme?

Centinaia o forse migliaia di aziende determinato ad essere competitivo.

In altre parole, hanno sfruttato le opportunità offerte dall’accordo commerciale con il Nord America, basato sulla produzione efficiente e sull’organizzazione per entrare in quel mercato.

Le argomentazioni avanzate contro il NAFTA, quando se ne discusse all’inizio degli anni ’90, erano che gli americani ci avrebbero distrutto; che era un suicidio esporre così le società messicane alla concorrenza.

E abbiamo già visto il risultato.

A volte la nostra mancanza di fiducia ci impedisce di sfruttare le opportunità e preferiamo un ambiente che ci protegga e in cui non siamo sfidati.

E questo è stato un grave errore come Paese.

Errato

Ieri, parlando dell’ora legale, vi ho detto che il giorno in cui comincerà il nuovo orario, che sarà già fissato in Messico se la legge passerà in entrambe le camere del Congresso, sarà il 6 novembre. Non è corretto. Sarà domenica 30 ottobre. Scuse.

[ad_2]

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *