Il pozole era davvero fatto con carne umana in epoca preispanica? Questa è la sua storia


Durante vacanze nazionaliil pozol si costruisce sul piatto, strato dopo strato, come un monumento alla gola tricolore, verde, bianco o rosso, con mais di arachidimaiale, pollo, lattuga, ravanelli, un pizzico di origano, a volte chicharrón e avocado, il tutto in una torre che rischia di riempirsi dopo aver allentato la cintura per il cerimonia di Grido di indipendenza.

Tuttavia, più di 500 anni fa, nel epoca preispanica I messicani preparavano piatti con mais ‘pozolero’, molto diversi, uno includeva ingredienti controversi per un aspetto attuale carne umana.

Com’è che tanti ingredienti, storie e situazioni sono finite ad accostarsi a tavola? L’indipendenza, il pozole, il “messicano” e l’era preispanica sono correlati? farePerché il pozole si mangia il 15 settembre?

Questo va oltre gridare con accento spagnolo “padroni di casa, erano cannibali”, perché ricordiamoci che gli esseri umani non solo mangiano per sopravvivere, ma ci sono significati in tutto ciò che condividiamo nel piatto.

Il pozole aveva carne umana? spoiler: si

Nel XVI secolo, quando gli spagnoli avevano già digerito il loro orrore con parole come “anticristiano” e “selvaggio”, Fray Bernardino de Sahagún descrisse un piatto rituale con il mais chiamato tlacatlaolli (tradotto come ‘mais uomo‘) in Storia generale delle cose della Nuova Spagnache veniva preparato con la carne di persone che erano state sacrificate durante le cerimonie:

“Hanno cucinato quella carne con il mais, e hanno dato a ciascuno un pezzo di quella carne in una ciotola o caxete, con il suo brodo e il suo grano cotto”.

Sahagun è piuttosto descrittivo, lo menziona persino hanno mandato una coscia a “Mochtecuzoma” e il resto è stato distribuito tra le personalità principali.

A quel tempo non era ancora chiamato pozole, secondo il Dizionario Enciclopedico della Gastronomia Messicana, la parola deriva da Nahuatl pozzie questo a sua volta tlapozonalli, bollito o frizzante.

Nell’articolo Recupero di significati: il significato rituale del pozole nella società aztecal’accademico Alfonso de Jesús Jiménez Martínez descrive che si trattava di un preparazione cerimoniale di feste religiosenon tutti potevano mangiarlo, solo quelli di alto rango e nelle occasioni speciali.

Il ricercatore afferma che il mais di arachidi È correlato al significato del mais e del colore bianco nella visione del mondo Mexica:

“Il mais, base della cultura mesoamericanae il ingestione di carne umana dei sacrificati, significava il rito dove si verificava la dualità permanente della visione mistica del Nahua: origine e fine, cielo e terra, giorno e notte… la carne di uomo al pozole è un ingrediente ideale, unico, per essere complementare al rito di rinascita del sole”.

Inoltre, lo stesso essere umano era pensato al mais, secondo i miti della creazione, quindi il piatto era il “ciclo dell’eterno”: “essere perché è offerto ed è così che può essere. In questo modo ha realizzato pozole con la sua funzione ritualepermettendo all’uomo di partecipare al sacro rito della creazione a condizione di farne parte”.

Maiale: l’ingrediente sostitutivo del pozole

Tutto è cambiato quando la nazione dei radioamatori ha attaccato… o qualcosa del genere. Succede che a L’arrivo degli spagnoli per l’ormai territorio messicano, hanno optato, come in molti altri piatti e simboli, per un meccanismo di adattamento.

Alfonso de Jesús Jiménez spiega che gli europei fecero “il sostituzione di carne umana con carne di maiale (Quello a quanto pare ha un sapore simile)”; Inoltre, i significati del piattino cambiarono e cessò di essere esclusivo dell’alto comando.

con i maiali che provenivano da terre lontane non solo cambiarono il pozole, ma anche molti altri piatti come i tamales, il lardo divenne compagno inseparabile dei garnachas e varie preparazioni divennero carnivore divorando il maiale tra i suoi ingredienti.

Perché mangiamo pozole il 15 settembre?

Anche se il pozole è diventato così quotidiano che potrebbe benissimo esserlo consumato in qualsiasi momentoChi non si emoziona quando cambiano il menu della locanda di fiducia per quei piatti profondi?

Sebbene cambiassero i significati del consumarlo, rimase ben legato al cerimoniale; oltre ad essere uno di quei piatti che permettono di evocare simboli patriottici come la bandiera per via dei suoi colori, è pratico per sfamare un gran numero di persone che si radunano attorno al tuo vaso.

Inoltre, ha aggiunto alla sua storia fino a una leggenda sulla creazione di una delle sue versioni correnti.

In Viva i tamales!lo storico Jeffrey M. Pilcher afferma che questo piatto ha un mito fondante, questa storia è accaduta a Chilapa, Guerrero, nel Settecento, quando alcune donne si preparavano alla visita dell’arcivescovo di Puebla. Erano nel mezzo di un dilemma:

“Loro devono macinare molto mais, così invece di fare le tortillas, si limitavano a cuocere i grani già inzuppati di carne di maiale per preparare uno stufato, il pozole. Il fatto che il prelato fosse di Puebla è importante, perché nel mitologia gastronomica del Messico Puebla era la casa della talpa. In questo modo, la benedizione dell’arcivescovo santificava il pozole, conferendogli un posto legittimo nel pantheon culinario nazionale.

Alfonso de Jesús Jiménez ritiene che nel comportamento di mangiare il pozole nelle feste nazionali potrebbe esserci un rito radicato nelle nostre origini, quello che chiamano “inconscio collettivo”.

“Nell’esistenza di pozole come a piatto nahuatlsi può ipotizzare l’esistenza di un piattino molto più speciale, da cui le radici della nostra usanza di mangiarlo nei momenti della tradizione messicana”.

L’autore ritiene che mangiare pozole vada oltre quell’espressione di messicani, “c’è in esso il cercare noi stessi”.

Lascia un commento