‘Il re del contante’ sono ‘detti puri senza prove e rimproveri sentimentali’: Mario Delgado



sono giusti “detto e senza prove” le testimonianze in il re del denaro esposto dalla giornalista Elena Chávez, ha assicurato questo lunedì Mario Delgado, presidente nazionale di Morena.

Il leader ha sostenuto che il contenuto del libro che sarà pubblicato questo mese non è molto serio e “contiene molti rimproveri sentimentali.”

Ciò che è noto finora nel libro indica che ci sono stati presunti atti di corruzione e saccheggio di risorse pubbliche, commessi da Marcelo Ebrard e Delgado, tra gli altri funzionari, per sostenere le campagne di Andrés Manuel López, del PRD e di Morena.

Al riguardo, Delgado ha affermato che in il re del denaro si vede la “mano pelosa” dei conservatori.

“È lo stesso argomento, il finanziamento di Morena, che è stato fatto con gli sforzi di migliaia di messicani, ma che è una strategia per cercare di screditare il movimento Morena“, ha insistito.

Morena farà causa a Elena Chávez?

Per questo ha respinto le accuse del giornalista contro López Obrador e il suo ex portavoce, César Yáñez (ex partner sentimentale del comunicatore). La bruna ha chiarito che nessuna azione legale sarà intentata contro la scrittrice.

“Non ha senso, è molto poco serio” il contenuto del libro, ha riaffermato.


Per quanto riguarda le rivelazioni del giornalista che egli, nella sua qualità di Segretario alle Finanze di Città del Messico Durante la gestione di Marcelo Ebrard, è stato lui a portare le valigie con i soldi negli uffici di López Obrador, Delgado ha affermato che il movimento 4T non è lo stesso dell’opposizione.

“Non siamo gli stessi. immaginare! Quelli con le valigie sono quelli hanno comprato voti per le riforme. Non siamo gli stessi, per via delle borse; è una strategia per tentare di screditare il Movimento”, ha indicato.

La scorsa settimana, il presidente López Obrador non ha dato importanza all’imminente pubblicazione del libro.

“Possono prendere quello che vogliono. Contanti, qualsiasi cosa, nient’altro non mi occupo di questioni personali, sentimentali; quello non mi appartiene. Ho uno scudo protettivo che è il mio angelo custode che è il popolo e la mia autorità morale”, ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.