La “banda” di Xi Jinping: questi sono gli uomini chiave del suo “nuovo” gabinetto

[ad_1]

Il parlamento cinese ha formalmente svelato l’elenco degli alti funzionari governativi che se la caveranno la seconda economia più grande del mondo quando Xi Jinping inizia il suo terzo mandato da presidente.

La sorpresa più grande è il numero di volti nuovi nel gabinetto. Quasi la metà dei 26 dipendenti pubblici in quella formazione sono in carica dal 2021 o prima, dati compilati da BloombergNews.

Gli unici due nuovi burocrati introdotti durante il fine settimana nell’Assemblea popolare nazionale erano li shangfuil ministro della difesa, e zheng shanjiecome capo dell’agenzia di pianificazione economica.

La Cina sta ora attraversando una difficile ripresa dopo la pandemia di COVID-19, con tensioni quest’anno per l’indebolimento delle esportazioni E un mercato immobiliare in difficoltà.


Gli analisti avvertono che il mantenimento di alcuni incarichi di vertice, come Yi Gang come governatore della banca centrale cinese, suggerisce il desiderio di mantenere una politica coerente almeno nel breve termine mentre la nazione conclude una riforma normativa.

Questi sono alcuni dei funzionari chiave

He Lifeng, Vice Primo Ministro

Il 68enne era in precedenza il presidente della potente agenzia di pianificazione economica cinese, Commissione nazionale per lo sviluppo e la riforma. È considerato uno stretto confidente di Xi, come lui lo conosco dal 1980quando lavoravano come funzionari governativi a Xiamen, una città nella provincia costiera del Fujian.

Ha trascorso più di due decenni nel Fujian, una delle prime regioni ad aprirsi agli investimenti stranieriprima di diventare nel 2009 vicesegretario del partito nella città cinese settentrionale di Tianjin.


Yi Gang, Governatore della Banca Centrale Cinese

Rimase al suo posto, mossa sorprendente visto che era arrivato all’età pensionabile dei ministri.

Da quando è entrato in carica all’inizio del 2018, il 65enne Yi ha spinto le riforme e guidato la banca centrale cinese attraverso periodi tumultuosi, tra cui la guerra commerciale USA-USA e la pandemia di COVID-19.

Politica monetaria ulteriormente modernizzata e ha contribuito a ripristinare la posizione internazionale dello yuan dopo che una fallita svalutazione nel 2015 ha danneggiato la fiducia del mercato.

Fluente in inglese, Yi è molto rispettato a livello internazionale e si mescola regolarmente con altri banchieri centrali in occasione di eventi pubblici. Ha insegnato economia a università dell’indiana negli Stati Uniti per otto anni prima di tornare in Cina negli anni ’90.

Liu Kun, ministro delle Finanze

A 66 anni, ha mantenuto la posizione alla quale è stato promosso per la prima volta nel 2018. Si è laureato al programma di finanza e politica fiscale dell’Università di Xiamen, così come il vice premier He.

Liu ha trascorso circa tre decenni lavorando per il governo del Guangdong, uno di le province più ricche della Cina E da dove viene la tua famiglia? È stato promosso nel 2013 a viceministro delle finanze ed è stato membro del comitato permanente per oltre un anno con particolare attenzione al lavoro finanziario ed economico.

Quando Liu divenne ministro delle finanze per la prima volta, fu incaricato di riformare il meccanismo di condivisione. le entrate fiscali e le responsabilità di spesa tra amministrazioni centrali e locali.

Durante il suo mandato, i trasferimenti dal governo centrale ai governi di livello inferiore sono aumentati di oltre il 50% fino a raggiungere i 10 trilioni di yuan. (1,4 trilioni di dollari) quest’anno. Sono state inoltre offerte massicce agevolazioni fiscali per sostenere un’economia scossa prima dalla guerra commerciale con gli Stati Uniti e poi dalle epidemie del nuovo coronavirus.

Zheng Shanjie, presidente della Commissione nazionale per lo sviluppo e la riforma

A 61 anni, sostituisce He a capo della commissione. Sebbene poco conosciuto prima dell’annuncio del suo incarico, Zheng ha lavorato in vari uffici nelle province di Fujian e Zhejiang durante la sua carriera, dove il presidente Xi ha lavorato nei suoi primi giorni come funzionario del governo e che sono considerati suoi ‘base di potere’.

Zheng si è trasferito a Pechino per diventare vicedirettore dell’Amministrazione nazionale dell’energia nel 2015. È stato anche vicedirettore di l’ufficio degli affari Taiwan del Consiglio di Stato per alcuni mesi nel 2017.

Zheng ha conseguito un MBA presso l’Università di Xiamen.

Wang Wentao, Ministro del Commercio

58 anni, è stato in quella posizione dal 2020. Laureato alla scuola di filosofia dell’Università di Fudan, Wang ha trascorso i primi anni della sua carriera presso un’università di Shanghai come funzionario della Lega della Gioventù Comunista e successivamente come capo della sua business unit cinese. vendita di fotocopiatrici.

È entrato a far parte del governo alla fine degli anni ’90 e ha lavorato come impiegato statale a Shanghai e nella provincia cinese sudoccidentale dello Yunnan. Wang è diventato l’alto funzionario di Nanchang, nella Cina centrale, nel 2011, poi ha assunto la direzione di Jinan orientale nel 2015.

Wang è stato governatore della provincia di Heilongjiang nella cintura industriale nord-occidentale prima di diventare ministro del commercio.

Li Shangfu, Ministro della Difesa

Ha ricevuto il sostegno unanime quando è stato nominato ministro della Difesa domenica, ma il suo lavoro potrebbe esserlo ‘colorato’ di disagio se mai ti incontrerai Il segretario alla Difesa americano Lloyd Austinper un incontro.

Quando era l’alto funzionario che sovrintendeva alla tecnologia di difesa cinese nel 2018, Li è stato accusato da Washington nel 2018 di aver violato le sanzioni statunitensi presumibilmente aiutando nel trasferimento di attrezzature militari dalla Cina. Il trafficante d’armi russo Rosoboronexport in Cina.

Successivamente, Pechino ha chiesto agli Stati Uniti di ritirare le sanzioni e ha rifiutato l’ingresso di una nave da guerra statunitense a Hong Kong.

Wang Zhigang, Ministro della Scienza e della Tecnologia

Wang una volta ha trascorso circa un decennio presso il China Electronic Technology Group di proprietà statale come alto dirigente. L’azienda era considerata un “campione” di stato in lo sviluppo delle proprie tecnologie dei semiconduttori della Cina.

In un’intervista con i media statali a gennaio, Wang lo ha commentato autosufficienza tecnologica È “un requisito necessario per un grande paese diventa un paese forte”.

La spinta all’autosufficienza è diventata un obiettivo crescente nel governo Xi mentre gli Stati Uniti si muovono per impedire alla Cina di ottenere una tecnologia avanzata che potrebbe darle un vantaggio economico e militare, in particolare nei chip e nell’intelligenza artificiale.

[ad_2]

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *