La famiglia LeBarón denuncia le minacce di morte del CJNG

[ad_1]

Adrian LeBaron denunciato nuove minacce dal cartello Jalisco New Generation (CJNG) contro la sua famiglia e la comunità dell’Ejido de Zarahemia, situata in Baja California, questo dopo aver denunciato Carlos Hafen Lopez, ex candidato del PRD alla presidenza municipale di Ensenada, Baja California, che ha descritto come “un invasore” della terra in cui il CJNG effettua trasferimenti di droga.

Attraverso il suo account Twitter, l’attivista ha presentato la denuncia attraverso un thread in cui ha riferito che “la terra confina con il mare, dove trasportare spedizioni di droga Pertanto, la comunità sta già preparando una dozzina di denunce contro Hafen e i responsabili”.

Va notato che Carlos Hafen è in controversia con il Famiglia LeBarone per la proprietà dei 300 ettari di proprietà che, accusa Adrián LeBarón, Hafen se ne sarebbe impossessato attraverso una prescrizione del terreno con l’aiuto di un giudice locale.

Tuttavia, Adrián LeBaron sostiene che le terre appartengono alla comunità di Zarahemia dal 1974, anno in cui suo padre, Joel LeBaron fondò il villaggio della famiglia dell’attivista.

Adrián LeBarón esorta AMLO e le autorità a “evitare altri massacri”

Nella denuncia presentata tramite Twitter, Adrián LeBarón ha affermato che i residenti della comunità e se stesso vivere sotto minaccia di mortee anche Hafen ha già messo un prezzo alla sua vita, un fatto che “abbiamo già segnalato al Procuratore generale della Bassa Californiaa San Quintino.

Allo stesso modo, il capo della famiglia LeBarón ha chiesto al procuratore generale della Repubblica (FGR) per attirare la sua causa, quindi, ha sostenuto che la moglie di Hafen López presume di essere vicina a un capo del gruppo criminale.

Nel suo messaggio ha taggato il Il presidente Andres Manuel Lopez Obradoral Segretario per la Sicurezza e la Protezione dei Cittadini, Rosa Icela Rodriguez e al governatore della Bassa California, Marina del Pilar, senza ricevere risposta da nessuno dei funzionari del social network.

La denuncia si è conclusa con un’esortazione a evitare più massacri perché, ha scritto: “Non possiamo aspettare più minacce, più invasioni, mentre vediamo come la terra viene rubata e utilizzata per commettere crimini molto gravi, è tempo di prevenire più massacri.



[ad_2]

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *