L’e-commerce espande l’onda industriale



È una realtà, le vendite in linea continuare ad alimentare la crescita della logistica in diversi corridoi industriali in Messico.

Dall’uscita accelerata dell’e-commerce dalla pandemia, è cresciuta la domanda di spazi industriali e soprattutto di Centri di Distribuzione (CEDI) dislocati nei principali centri di consumo.

Questa tendenza non è nuova. La crescita delle vendite online nel retail messicano è stata del 50% nel 2020 e del 27% nel 2021, consolidandola nella top 5 mondiale tra i paesi più sviluppati del settore.

Anche le statistiche di Euromonitor International prevedono che il commercio elettronico crescerà del 226% entro il 2025, un tasso equivalente a un aumento del 58% delle vendite totali al dettaglio.

Quanto sopra si aggiunge al furore del mercato industriale che ha accumulato un inventario nazionale di immobili di classe A, vicino a 68 milioni di mq e 2,1 milioni di mq in costruzione, secondo il recente rapporto consolidato Newmark.

L’inerzia industriale e l’effetto dell’e-commerce influiscono sui livelli di disponibilità, scesi al di sotto del 2% a San Luis Potosí, Guadalajara e Reynosa, ma si sono accentuati a Ciudad Juárez e Tijuana, dove il livello è rispettivamente di circa 0,6% e 0,5%.

Inoltre Città del Messico, Guadalajara, Querétaro, Saltillo e Tijuana sono i mercati che concentrano la maggior parte delle nuove costruzioni, con questa inerzia si è diffusa in diverse aree, ma è riuscita a localizzarsi in base alle attività delle società coinvolte nel attività un livello di specializzazione nei centri da dove viene concentrato, stoccato e inviato a quelli che integrano la consegna nell’ultimo miglio.

Newmark individua le possibilità nei CEDI centrali o principali che concentrano e immagazzinano i prodotti, dove la gestione e il controllo dell’inventario avviene in maniera automatizzata. Città del Messico, Monterrey e Guadalajara sono i corridoi dove c’è la capacità di ospitare centri con superfici superiori a 20.000 m2.

Dal canto loro, i centri a livello regionale sono il punto centrale in cui è previsto un gruppo di popolazioni che richiedono superfici medie da 3 a 10mila mq. Queste 2 tipologie gestiscono anche la lavorazione dei prodotti resi, una fase rilevante della logistica inversa, che è ancora in fase di perfezionamento nel nascente settore. Nel caso dei centri di transito, sono ubicati in aree vicine alle grandi città, la loro funzione è quella di supportare l’efficienza delle rotte di spedizione dei prodotti al consumatore finale, pertanto la loro ubicazione è a 1,6 chilometri dall’acquirente. È in corridoi come la Zona Metropolitana di Città del Messico (ZMCM) dove si registrano occupazioni record, come Tepotzotlán dove la disponibilità è nulla. L’attività del mercato industriale in questa regione ha generato nella prima metà dell’anno che quattro dei nove corridoi che la compongono, hanno tassi di occupazione del 100%.

Di conseguenza, sono stati registrati elevati livelli di occupazione e tassi di costruzione di nuovi parchi industriali. Le scorte in questo mercato ammontano a 13 milioni di mq, con 485mila mq di nuova costruzione, alcuni dei quali consolidati dalla partecipazione di risorse finanziarie sostenute da veicoli di investimento.

Gli analisti ritengono che in questi corridoi i valori di assorbimento del mercato siano negativi, come riflesso del boom del mercato.

Lo scenario nel suo insieme mostra anche che le vendite di prodotti online vedono un riflesso della loro inerzia dovuta al tasso di crescita sostenuto, indipendente dalle dinamiche create da download di musica, biglietti aerei, biglietti per eventi e Softwaretra gli altri.

In breve, il canale di vendita digitale sta moderando i tassi di crescita, ma continuerà ad essere rilevante. Soprattutto ora che il ritorno ai negozi fisici è un dato di fatto, dal momento che hanno condizionato l’afflusso, i livelli di disoccupazione che con la pandemia sono saliti ai livelli storici, ma si sono gradualmente ripresi. Quanto sopra ha generato un aumento delle scorte nei centri commerciali, in quanto il rientro ha comportato la ripresa dell’attività progettuale. Pertanto, lungi dal perdere il suo slancio, il commercio elettronico continua ad essere determinante per il business industriale attraverso i centri di distribuzione e supporta le nuove abitudini di acquisto.

Fanno tutti parte dell’evoluzione e delle tendenze che alimentano il immobiliare

Facebook: Claudia Olguin Mx

Twitter: @claudiaolguinmx

Lascia un commento