L’inflazione negli Stati Uniti raggiunge il picco a settembre; Questo è il numero più alto in 40 anni.

[ad_1]

Un indicatore chiave di Prezzi al consumo negli Stati Uniti avanzato a un massimo di 40 anni a settembre, evidenziando a alta inflazione e persistente che sta mettendo sotto pressione le famiglie e guidando la Federal Reserve (Fed) verso un altro forte aumento dei tassi di interesse.

Il indice dei prezzi al consumo di base, che esclude cibo ed energia, è aumentato del 6,6% rispetto all’anno precedente, il livello più alto dal 1982, secondo i dati pubblicati giovedì dal Dipartimento del lavoro. Rispetto a un mese prima, il CPI core è aumentato dello 0,6% per il secondo mese.

Il Il CPI principale è aumentato dello 0,4 percento il mese scorso e dell’8,2 percento rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. La stima mediana degli economisti intervistati da Bloomberg ha indicato un aumento mensile dello 0,4 per cento nella lettura di base e dello 0,2 per cento nella cifra principale.

Il gli indici di alloggio, cibo e cure mediche sono stati gli indicatori principali di “molti contribuenti”, secondo il rapporto. Benzina diminuita.

Il rapporto lo evidenzia l’elevata inflazione si è diffusa in tutta l’economia, danneggiando i salari degli americani e costringendo molti a fare affidamento sui risparmi e sulle carte di credito per mantenersi. Sebbene la crescita dei prezzi al consumo dovrebbe moderare nei prossimi mesi, sarà un percorso lento verso l’obiettivo della Fed.

I responsabili delle politiche monetarie hanno risposto con la più aggressiva campagna di inasprimento dagli anni ’80, ma finora i mercati del lavoro e la domanda dei consumatori sono rimasti resilienti. Il tasso di disoccupazione è tornato al minimo da cinque decenni a settembre e le aziende continuano ad aumentare i salari per attirare e trattenere i dipendenti.

Dopo l’ottimo rapporto sull’occupazione della scorsa settimana, è probabile che i dati sull’IPC consolidino un ulteriore aumento dei tassi di interesse di 75 punti base alla riunione politica della Fed di novembre. I commercianti hanno riaffermato le scommesse per l’enorme aumento del prossimo mese. I futures su azioni sono scesi bruscamente e i rendimenti dei Treasury sono aumentati dopo il rapporto.

[ad_2]

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *