Marco Pérez: Può esserci una raccolta negativa di IEPS?



In alcune note precedenti ho fatto riferimento ad alcuni aspetti metodologici con cui vengono predisposte le statistiche del Governo Federale, e senza dubbio le scritture contabili in materia tributaria, rivestono particolare importanza, perché incidono anche sulla determinazione della Riscossione Partecipativa Federale, e quindi, sulle finanze di Stati e Comuni. .

Nel caso particolare dell’IEPS federale su benzina e diesel, per molti anni, precisamente dal 2007 al 2014, per otto anni consecutivi, è stata segnalata una riscossione negativa in questa tassa, che è stata addirittura recepita nella legge sull’imposta sul reddito. , e sia la Camera dei Deputati che il Senato, sicuramente per ignoranza, procedettero all’approvazione.

In quegli anni, infatti, la “formula” per la determinazione del tasso IEPS potrebbe portare a tassi negativi, proprio quando i prezzi di riferimento del benzina negli Stati Uniti hanno superato quelli in Messico, poiché il numeratore di detta formula includeva questo confronto, prezzo in Messico MINUS prezzo negli Stati Uniti.

Tuttavia, la conseguenza della determinazione di un tasso IEPS negativo, da applicare al prezzo di vendita, non è stata la riduzione del prezzo della benzina, che sarebbe corretto, ma ha generato un “diritto” per Pemex a ricevere un sussidio o un trasferimento equivalente a tale importo, poiché poiché il prezzo era determinato dall’SHCP, lo costringeva a vendere la benzina e il diesel in Messico, al di sotto del suo costo opportunità, se lo esportava.

Con il tasso negativo, né i consumatori né la Pemex hanno pagato l’IEPS, quindi la riscossione reale ed effettiva è stata zero pesos, ma come spesa il governo federale ha pagato Pemex di importo pari all’IEPS negativo, tali trasferimenti sono stati contabilizzati dalla società come “altri proventi”.

Questa modalità di registrazione del pagamento a Pemex come “Negative Collection of IEPS”, implicava che la riscossione di altre tasse fosse ridotta dello stesso importo, poiché un reddito negativo è compensato da un reddito positivo, e di conseguenza, è stata anche la riscossione federale partecipata ridotto, il che implicava che almeno il 20 per cento del sussidio La benzina era a carico degli Stati, attraverso minori partecipazioni, oltre a minori entrate nei Fondi riferiti alla RFP.

Attualmente, poiché la vecchia “formula” è stata abrogata nel 2015 ed è stata invece stabilita una quota fissa in pesos al litro, l’unica possibilità di registrare un incasso negativo nell’IEPS, sarebbe quando ci sono più rimborsi fiscali di quanto è stato raccolto. , dato che la metodologia registra la riscossione di ogni imposta come “al netto” dei rimborsi.

Il problema è che la legge IEPS contempla solo l'”accredito” dell’IEPS a favore, non il suo “rimborso”, e anche l’articolo 5 di tale legge stabilisce che, quando un contribuente determina un pareggio a favore, (cosa che si verificherebbe quando il l’imposta da accreditare è superiore a quella provocata) “puoi risarcirla solo con la stessa imposta che ti corrisponde nelle mensilità successive, fino ad esaurimento”.

In questo modo, la stessa Legge prevede che NON possa esserci un incasso negativo di IEPS, il che ci porta poi a commentare le meccaniche operative del secondo stimolo fiscale per la vendita in prima persona di benzina e diesel, che dal mese di Si comincia a concedere marzo, a cui è quello che concede il diritto all'”accreditamento”.

La prima cosa importante da commentare è che questo incentivo vale SOLO per chi smaltisce in prima persona benzina e diesel, poiché nemmeno l’importatore ha diritto a questo incentivo, e si concretizza solo nella prima disposizione effettuata.

Infatti le oltre 10.000 stazioni di servizio che vendono benzina al pubblico NON sono contribuenti IEPS, cosa che pochi conoscono, e sono accusate di “rubare” questo stimolo fiscale, vendendo la benzina più cara.

Il secondo stimolo fiscale consiste poi in un “credito” a fronte del pagamento di ALTRE TRIBUTI da parte del beneficiario, come PVR o IVA, per il quale il costo di questo secondo stimolo riduce l’effettiva riscossione di PVR o IVA e diventa estremamente difficile tracciare e quantificare, poiché l’autorità non lo pubblica.

In questo modo, il maggior beneficiario di questo secondo stimolo fiscale (e di gran lunga) è Pemex, che dovrebbe accreditare il pagamento dell’IVA a sue spese per la vendita di carburanti, poiché la possibilità di rimborso potrebbe essere giustificata solo se non avere abbastanza tasse federali a tue spese, il che non è fattibile, data l’IVA a tue spese.

Così, nella relazione sulla gestione pubblicata dal SAT per il secondo trimestre dell’anno, si conferma che l’importo di questo secondo stimolo fiscale viene “monetizzato” (impropriamente), trattandolo come “rimborso” e non come “compensazione”. , come stabilito dalla legge, e si segnala che Pemex segnala la raccolta IEPS su benzina e diesel per $ 29,5 milioni di pesos e RIMBORSI per $ 43,0 milioni di pesos, configurando una raccolta NEGATIVA di $ 13,5 milioni di pesos e “altri contribuenti” con incassi negativi di $ 8,6 milioni di pesos , per un totale di una raccolta negativa di $ 22,1 milioni di pesos a giugno.

È importante ricordare che un mese dopo, con i dati del mese di luglio, questa raccolta “negativa” è passata da $ 22,1 a $ 56,8 milioni di pesos, con l’aggravante che include non solo l’IEPS federale, ma anche l’IEPS statale, che NON ha alcun sussidio e la cui raccolta è positiva, e a luglio dovrebbe aggirarsi intorno ai $ 14,2 milioni di pesos, quindi l’IEPS federale negativo, a luglio, raggiunge $ 71 milioni di pesos invece di raccogliere i $ 172 milioni di pesos programmati, ovvero il il costo degli incentivi fiscali per la benzina, solo nell’IEPS, è di circa $ 243 milioni di pesos per il mese di luglio, mancano crediti contro ISR e IVA, che non vengono pubblicati.

Il gettito fiscale negativo è una questione che gli Stati devono rivedere, poiché colpisce direttamente il Fondo Generale di Partecipazione, nonché i Fondi il cui importo è preso a riferimento dalla RFP, riducendo le risorse federalizzate che dovrebbero corrispondere ad essi.

Lascia un commento