Maseca si impegna a non aumentare il prezzo della farina di mais fino a febbraio 2023, annuncia AMLO



López Obrador cercherà produttori e distributori di cibo per abbassare il prezzo di 24 prodotti nel paniere di base.

Il presidente Andrés Manuel López Obrador ha annunciato che la società masca Ha promesso di farlo non aumentare il prezzo della farina di mais fino a febbraio 2023.

Durante la conferenza stampa mattutina, il presidente ha assicurato che il direttore della società glielo aveva promesso, Giovanni Gonzalez Moreno e ha riferito che questo mercoledì, 20 settembre, si incontrerà con lui e altri produttori di cibo nel Palazzo Nazionale per ridefinire la strategia di contenimento del inflazione.

“Adotteremo una serie di misure per trovarlo non aumentare i prezzi delle basi”, ha detto AMLO al mattino.

“Il direttore di Maseca ce lo ha già comunicato promette che non ci sarà aumento della farina di mais almeno fino a febbraio (2023) e questo è importante perché stiamo parlando della tortilla e di chi la distribuisce come il 80 per cento della farina di mais che viene distribuita nelle fabbriche di tortilla“, ha affermato.

Allo stesso modo, il capo dell’Esecutivo ha annunciato che durante l’incontro cercherà produttori e distributori di cibo compromesso un non aumentare –e se puoi abbassare il prezzo– di 24 prodotti del paniere base.

Infine, López Obrador ha affermato che detto incontro è “così importante” che mangerà con loro “colada tamales”.

“Arrivano circa 20 produttori e distributori. Il più importante”, ha detto.


I ricavi di Maseca e Minsa hanno ‘buona serie’: crescono di oltre il 20%

Nella prima metà del 2022, Maseca de gruma Y minsa guadagnato entrate congiunte da 17 mila 167,7 milioni di pesos In Messico, un aumento annuo di 20 per cento e di 48 per centorispetto allo stesso periodo del 2019, precedente alla pandemia di COVID-19.

Sebbene l’aumento del reddito sia parzialmente spiegato da a aumento di prezzo di entrambe le società, è anche vero che i costi di produzione gruma sono aumentati del 15,8% all’anno e del 39% rispetto al 2019; mentre, per minsa l’incremento è stato del 31 per cento annuo e del 219 per cento rispetto ai livelli registrati nel primo semestre 2019, questo per l’aumento del costo di prezzi di Maisil gas naturale e altri materie prime.

“Nel caso di Gruma, l’adeguamento del prezzo è stato una risposta al brusco incrementi quello che abbiamo visto nel Mais nel primo semestre dell’anno, che nelle ultime settimane è diminuito, ma si mantiene su un livello più basso rispetto al 2021. Questo sarebbe l’effetto a livello di costimentre in termini di spese l’emittente ha cercato di essere più efficiente”, ha affermato José Roberto Solano, analista di Monex.

Ha aggiunto che nella prima metà dell’anno, vari merci ha subito notevoli incrementi, da quelli energetici a quelli legati alla Alimenti.

“L’effetto di regolazione di prezzi lo è stato quest’anno in tutte le industrie alimentari e riteniamo che si stabilizzerà nella seconda metà dell’anno”, ha sottolineato.

La media nazionale del chilo di tortilla intorno al 22 pesosun aumento annuo di 10 per cento e 41,3 per cento rispetto al 2019, secondo l’Alleanza nazionale delle piccole imprese (ANPEC).

Lascia un commento