Max Verstappen è un due volte campione di Formula 1; Leclerc ‘regala’ 1-2 alla Red Bull al GP del Giappone

[ad_1]

Max Verstappen è stato proclamato per la seconda volta campione di Formula 1 con la Red Bull Racing che ha vinto il controverso e confuso Gran Premio del Giappone, e grazie anche alla penalità dell’ultimo giro di Charles Leclerc che ha consegnato il secondo posto a Sergio ‘Checo’ Pérez.

Una pioggia intensa ha interrotto la gara per quasi due ore e i 53 giri ufficiali non sono stati eseguiti, ma sono stati percorsi metà e sono stati assegnati i punti totali nonostante la confusione e il dubbio dello stesso Verstappen.

Sembrava che l’olandese avrebbe dovuto aspettare fino al GP degli Stati Uniti per festeggiare il suo titolo, ma Un errore di Leclerc nell’ultima chicane gli ha dato matematicamente lo scudetto.

Anche il GP del Giappone è stato segnato da l’incidente di Carlos Sainz Jr. e la presenza di una gru sul binario che ricordava l’incidente di Jules Bianchi sullo stesso circuito di Suzuka nel 2014.

L’incidente di Rain e Sainz ha complicato il GP del Giappone

Il Gran Premio del Giappone è iniziato su pista bagnata, quindi le vetture sono partite con gomme intermedie, invece di pioggia estrema. Nei primi due giri le vetture di Carlos Sainz Jr., Sebastian Vettel e Guanyu Zhou hanno sbandato ei piloti hanno perso il controllo.

L’incidente più grave è stato quello di Sainz, che si è schiantato contro il muro e ha frantumato l’ala posteriore della sua auto; lo spagnolo è stato salvato dall’essere investito da un’altra macchina. L’incidente ha causato una bandiera rossa al 2° giro e l’ingresso della safety car e una gru per rimuovere la tua auto.

“La pista e la visibilità erano impraticabili. È chiaro che se i piloti non vedono nulla, stai dicendo al destino di fare quello che ti viene in mente, in un giorno come oggi, perché i 18 piloti che erano dietro di me non mi hanno nemmeno visto. È stata pura fortuna che non mi hanno dato”, ha dichiarato lo spagnolo a DAZN.

Gasly e la controversa gru che ha ricordato la morte di Bianchi

L’incidente di Carlos Sainz Jr. ha causato l’ingresso di una gru, ma è apparso alla curva 12 quando c’erano ancora macchine in funzione a pieno regime, compreso Pierre Gasy, indagato per aver apparentemente ignorato la bandiera rossa.

“Cos’è questo? Cos’è questa gru sul binario?! Gli sono passato accanto. Questo è inaccettabile. Ricorda cosa è successo. Non posso crederciHa detto Gasly, riferendosi a Jules Bianchi, morto mesi dopo essersi schiantato contro una gru al GP del Giappone 2014.

“Non c’è rispetto per la vita dei piloti. Non c’è rispetto per la vita di Jules. IncredibileIl padre di Jules, Philippe Bianchi, ha commentato su Instagram.

“Come possiamo chiarire che non vogliamo mai vedere una gru in pista? Abbiamo perso Jules a causa di quell’errore. Quello che è successo oggi è del tutto inaccettabile!!!!! Spero che questa sia l’ultima volta che vedo una gru in pista!”, ha twittato ‘Checo’ Pérez.

Leclerc ‘ha dato’ l’1-2 alla Red Bull

Sergio Pérez è arrivato a meno di un secondo da Charles Leclerc nell’ultimo giro di gara e, sotto pressione, il monegasco ha tagliato la pista all’ultima chicane. Leclerc ha tagliato il traguardo al secondo posto, ma è stato penalizzato di cinque secondi ed è caduto in terza posizione.

Questo è stato il GP del Giappone:

  1. Max Verstappen (Red Bull)
  2. Sergio Perez (Red Bull)
  3. Charles Leclerc (Ferrari)
  4. Esteban Ocon (Alpino)
  5. Lewis Hamilton (Mercedes)
  6. Sebastian Vettel (Aston Martin)
  7. Fernando Alonso (alpino)
  8. George Russell (Mercedes)
  9. Nicholas Latifi (Williams)
  10. Lando Norris (McLaren)

Questo è il campionato piloti

Max Verstappen ha 113 punti di vantaggio su Checo Pérez, ma ne restano solo 108. Gli ultimi Gran Premi sono negli Stati Uniti, Messico, Brasile e Abu Dhabi.

  • Max Verstappen (Red Bull) | 366 punti
  • Sergio Perez (Red Bull) | 253 punti
  • Charles Leclerc (Ferrari) | 252 punti
  • George Russell (Mercedes) | 207 punti
  • Carlos Sainz (Ferrari) | 202 punti
  • Lewis Hamilton (Mercedes) | 180 punti
  • Lando Norris (McLaren) | 101 punti
  • Esteban Ocon (Alpino) | 78 punti
  • Fernando Alonso (alpino) | 65 punti
  • Valterri Bottas (Alfa Romeo) | 46 punti
  • Sebastian Vettel (Aston Martin) | 32 punti
  • Daniel Ricciardo (McLaren) | 29 punti
  • Pierre Gasly (Alfa Tauri) | 23 punti
  • Kevin Magnussen (Haas) | 22 punti
  • Lance Stroll (Aston Martin) | 13 punti
  • Mick Schumacher (Haas) | 12 punti
  • Yuki Tsunoda (Alfa Tauri) | 11 punti
  • Guanyu Zhou (Alfa Romeo) | 6 punti
  • Alexander Albon (Williams) | 4 punti
  • Nyck de Vries (Williams) | 2 punti
  • Nicholas Latifi (Williams) | 2 punti

Così va il campionato costruttori di F1

Grazie a la vittoria dell’olandese Max Verstappenil team Red Bull prosegue con un vantaggio impressionante su Ferrari e Mercedes.

  • Red Bull Racing | 619 punti
  • Ferrari | 454 punti
  • Mercedes | 387 punti
  • alpino | 143 punti
  • McLaren | 130 punti
  • Alfa Romeo | 52 punti
  • Aston Martin | 45 punti
  • Hass | 34 punti
  • Alfa Toro | 34 punti
  • Williams | 8 punti



[ad_2]

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *