Mentre Biden e i suoi sostenitori festeggiano, la “Trump Nation” chiede di combattere


“Lasceremo che questo accada, patrioti?”ha scritto “Asher” in un gruppo pro-Trump Telegram che è esploso in furia questa mattina dopo la dichiarazione di vittoria dell’attuale presidente eletto Joe Biden.

“Continua a combattere, patriota!” ha risposto immediatamente un altro utente. “Biden potrà essere presidente. Il paese brucerà. Sii pronto“.

La vittoria dei Democratici, annunciata dopo aver ottenuto I voti elettorali della Pennsylvaniauno degli stati in attesa di battaglia per definire un vincitore, ha generato una reazione negativa e retoricamente violenta in centinaia di forum e gruppi di social media di sostenitori dell’attuale presidente degli Stati Uniti.

Potrebbe interessartiTrump diventa il primo presidente degli Stati Uniti a non essere rieletto in quasi 30 anni

Insieme alle celebrazioni e alle manifestazioni di gioia in varie città degli Stati Uniti, i membri dell’autoproclamato “Nazione MAGA (Make America Great Again)” Hanno mostrato il loro rifiuto dei risultati di un’elezione che considerano “truccati”, “rubati” e “illegali”.

“Le ‘fake news’ nascondono di nuovo la verità e apposta sono criminali”, ha pubblicato Sunz M8trix su Telegram. “Devono andare in galera”.

Le autorità elettorali statali hanno respinto ogni illegalità o anomalia nel conteggio dei voti.

Tra le reazioni più violente ci sono quelli dei seguaci di QAnonla teoria del complotto che assicura che i Democratici, diversi Repubblicani e buona parte di Hollywood facciano parte di un “Deep State” e di una rete di pedofili che l’ancora Presidente Trump dovrebbe smascherare ed eliminare.

Ti consigliamo: QAnon, la folle teoria del complotto, vince un seggio al Congresso degli Stati Uniti

“Fidati del piano”, ha scritto WiccanVixen in un gruppo Facebook, alludendo a una delle frasi più utilizzate dai sostenitori di QAnon. “quei maiali pagherannoTrump non permetterà che questo crimine rimanga impunito”.

Tra tutta la retorica, ci sono alcuni appelli alla violenza e alle armi che crescono di minuto in minuto, in vista del primo messaggio di Biden da presidente eletto.

“Questo è il motivo per cui abbiamo il Secondo Emendamento”ha scritto Fred, un altro membro di QAnon su Facebook, riferendosi al diritto costituzionale degli americani di portare armi. “Non ho intenzione di vivere in una tirannia e sono sicuro che nessuno di voi lo fa.”

La precedente pubblicazione accumula già decine di “mi piace”.

Diversi utenti su Telegram e Facebook stanno facendo inviti a proteste per lunedì prossimo, 9 novembre.

Al di là della rabbia e della delusione per la sconfitta del loro candidato, alcuni sostenitori di Trump non perdono la speranza che il presidente possa invertire i risultati con mezzi legali.

“Dio è con noi”, ha scritto Eduardo Roza su Telegram. “Trump vincerà”.

Lascia un commento