Metro CDMX: posso viaggiare con il mio cane guida? Questo dice la legge



Non con i cuccioli! Nei social network lo sfratto di tre cuccioli è diventato virale guida e i loro pullman presso le strutture del Sistema di Trasporto Collettivo della Metropolitana (STC), presso la stazione di San Antonio, Linea 7 della rete.

Gli addestratori e i cani sfrattati appartengono alla Scuola di Addestramento Cani da Assistenza del Fondazione Owen, che tramite Twitter ha denunciato pubblicamente il fatto.

“Ci era già stato consentito l’accesso al @MetroCDMX e Più tardi ci hanno portati fuori. Per legge, gli istruttori delle scuole cinofile da assistenza hanno accesso con cuccioli in formazione portano tutti credenziali e giubbotti “, ha scritto la Fondazione in uno dei numerosi tweet che hanno fatto.

In una clip di 10 secondi, uno degli addestratori registra come elementi della polizia bancaria e sorvegliano i cuccioli e i loro addestratori sulle scale mobili. “Siamo scortati come se fossimo ladrisì, quando per legge abbiamo libero accesso”, dice nella registrazione.

La metropolitana risponde a un reclamo della Fondazione Owen

dopo il fatto la metropolitana ha rilasciato una tessera informativa in cui spiega che gli elementi della polizia hanno interrogato gli allenatori, se ne avevano permesso di entrare con i cuccioli, al quale hanno risposto no.

“Gli agenti di polizia hanno chiesto l’autorizzazione al capostazione, il quale ha spiegato che non potevano accedere poiché i canini possono entrare solo con persone con disabilità visive, e di non svolgere funzioni di addestramento all’interno del Sistema”, ha affermato l’STC.

Parimenti, la Metro precisava che in base all’art. 230, numero XII del Regolamento del Legge sulla mobilità, la metropolitana consente l’ingresso con animali da assistenza o da servizio, ma se sono in corso di formazione “è richiesto di stabilire un’adeguata comunicazione con le aree operative e di sicurezza, a garanzia dell’integrità degli utenti”.


Cosa dicono le leggi sui viaggi con i cani guida in metropolitana?

Come indicato dalla Metropolitana nel proprio fascicolo informativo, l’articolo 230, numero XII del Regolamento del Legge sulla mobilità, consentire l’ingresso con animali da assistenza o da servizio.

Il problema con i cuccioli Fondazione Owen è che erano in fase di addestramento e, a quanto pare, non vi era alcuna comunicazione pertinente con il Sistema di Trasporto Collettivo, in modo che potessero essere sviluppati i protocolli appropriati per consentire l’addestramento dei cani.

Tuttavia, il fatto ha causato fastidio tra gli utenti di Internet che non hanno esitato a condividere il Articolo 34 della legge sulla protezione degli animali CDMX che dice che:

“Tutto cane da assistenza ha libero e illimitato accesso allo Spazio Pubblico, esercizi commerciali, strutture o trasporti, individuali o collettivi, pubblici o privati, purché accompagnati dalla persona che prestano assistenza. Questa disposizione si applica anche al Cane da assistenza in fase di addestramento”.

Inoltre, in un altro dei video condivisi su Twitter, uno degli addestratori di cani ha affermato che i cani soddisfano i requisiti di legge, che sono: credenziale e giubbotto.

E hanno condiviso una fotografia che mostra il retro di una credenziale in cui puoi leggere il Articolo X Bis della legge sulla protezione degli animali di Città del Messico, che dice:

X BIS. Cane da assistenza in itinere: colui che, accompagnato da un addestratore debitamente accreditato da un ente o centro specializzato, nazionale o estero, si avvale dello Spazio Pubblico, degli esercizi commerciali e dei trasporti, pubblici o privati, per rafforzare competenze per le quali è stato formato e riconoscere ambienti specifici.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.