“Non mi interessa se arrivo secondo o terzo”, dice “Checo” Pérez sulla stagione di F1



Il Gran Premio di Singapore potrebbe incoronare Max Verstappen due volte campione, quindi Sergio ‘Checo’ Perez Deve solo lottare per il secondo posto nel campionato di Formula 1, anche se non è quello che conta per lui.

Poiché ‘Checo’ Pérez ha perso fiducia nelle ultime gare a causa delle modifiche alla sua vettura RB18, ora è concentrato sul finire bene la stagione ed essere competitivo come lo era all’inizio.

“Per me è importante finire forte, essere competitivo nelle ultime sei gare. È praticamente un dato di fatto, questione di tempo prima che Max vinca il campionato. Il secondo o il terzo posto non mi interessa“, Ha commentato in un’intervista per Fox Sports Mexico.

Ecco come va il campionato piloti:

  • Max Verstappen (Red Bull) | 335 punti
  • Charles Leclerc (Ferrari) | 219 punti
  • Sergio Perez (Red Bull) | 210 punti
  • George Russell (Mercedes) | 203 punti
  • Carlos Sainz (Ferrari) | 187 punti

‘Checo’ Pérez ha detto che le tre settimane di pausa dovute all’annullamento del Gran Premio di Russia gli hanno fatto piacere perché le ultime tre gare sono state molto intense e può prepararsi meglio per la GP di Singapore e soprattutto per il GP del Messico.

“La mia priorità è arrivare in un buon momento ed è il mio sogno vincere il Gran Premio del Messico”, ha detto l’uomo di Guadalajara e ha escluso che il suo compagno e la sua squadra faciliteranno le ultime gare con il campionato assicurato. “Senza dubbio Max vorrà vincere tutto ciò che resta. Ma la squadra ha visto che posso essere competitivo come Max”.

Gare rimanenti della stagione di Formula 1:

  • GP di Singapore / 2 ottobre
  • GP del Giappone / 9 ottobre
  • GP degli Stati Uniti / 23 ottobre
  • GP del Messico / 30 ottobre
  • GP del Brasile / 13 novembre
  • GP di Abu Dhabi / 20 novembre

‘Checo’ vuole essere un esempio per altri piloti messicani

Sergio ‘Checo’ Pérez ha altre due stagioni rimaste sul suo contratto con la Red Bull Racing e anche se non sa ancora se si ritirerà o cercherà di continuare a gareggiare in F1 con un’altra squadra, quello di cui è sicuro è che non vuole essere un consulente per qualsiasi squadra.

“Non vorrei essere un consigliere di una squadra. Sarebbe la cosa più facile continuare in questo mondo, ma Voglio davvero imparare cose diversecome l’amministrazione aziendale. La mia passione sono le auto e saranno coinvolte in qualche modo, ma voglio essere in altri mondi”, ha confessato a Fox Sports Mexico.

‘Checo’ spera di essere un esempio per altri piloti messicani e che non passeranno 30 anni prima che si gareggi di nuovo nella massima categoria degli sport motoristici. Ha detto che vede la possibilità di raggiungere la F1 per i suoi connazionali Patrick O’Ward Y leone di natale.

“Ci sono molti ragazzi. C’è Noé, che fa parte del programma piloti Red Bull. C’è ‘Duck’ in IndyCar. È importante anche fare carriera in Europa in tenera età, è la differenza. Qui [en F1] il livello è portato dal kart. È difficile e molto difficile venire qui a otto anni, ma il messicano ha talento”.assicurato.

Lascia un commento