Omicidio di lavoratori CFE: la Commissione investigativa creerà protocolli per evitare rischi



La Federal Electricity Commission (CFE) ha creato una commissione interna per scoprire cosa è successo ai lavoratori uccisi su un’autostrada a Sonora il 6 settembre, e anche per delineare nuovi protocolli in situazioni di rischioha riferito Manuel Bartlett Díaz, direttore generale della società di produzione statale, in un’intervista ai media tenutasi al Palazzo Nazionale mercoledì 14 settembre.

“Abbiamo creato una commissione interna, indipendentemente da ciò che indaga il procuratore generale, noi l’abbiamo fatto per vedere cosa è successoCom’è successo, come si muovevano quei camion?

Lo ha affermato il funzionario all’interno del CFE esistono già protocolli per far fronte ai danni all’impianto elettrico, che saranno rivisti dopo gli omicidi avvenuti nel comune di Onvas.

“L’obiettivo della commissione che abbiamo creato era analizzare cosa è successo, perché abbiamo movimenti permanenti per risolvere i problemi che sono nell’impianto elettrico, questi movimenti hanno protocolli, per rivedere i protocolli alla luce di quello che è successo, quindi agire da quello a livello locale e a livello nazionale”.

Lo ha commentato Bartlett Diaz sarà la prossima settimana quando riferiròin conferenza stampa, cosa ha rilevato la commissione.

A livello di polizia, le linee di indagine affermano che i lavoratori della CFE sono stati uccisi per rappresaglia per aver ristabilito il servizio in città che avevano subito tagli in risposta a un gruppo criminale o che erano confusi con membri della criminalità organizzata.

Lascia un commento