Povertà multidimensionale in Messico

Quindici giorni fa commentavamo in questo spazio i risultati del Multidimensional Poverty Index (MPI) 2022 dell’Università di Oxford. Questo indice consente di confrontare l’incidenza e la profondità della povertà per diversi paesi nel tempo e dispone anche di informazioni dettagliate per ciascuno dei 111 paesi del suo campione. In questa occasione voglio commentare i risultati di questa misurazione della povertà per il Messico.

Un primo risultato interessante è che la percentuale di persone che vivono in povertà rilevata da Oxford (7,39 per cento) è notevolmente inferiore a quella riportata dal National Council for the Evaluation of Social Development Policy (Coneval), che è la misura ufficiale della povertà. nel nostro Paese (43,9 per cento). Queste misurazioni si riferiscono all’anno 2020.

Da un lato, la misurazione di Oxford sembra adeguata per misurare la povertà a livello internazionale. Sebbene nel nostro Paese la misurazione sembri dare risultati molto ottimistici, la stessa metodologia individua 34 Paesi con oltre il 40 per cento di poveri.

D’altra parte, questo dimostra un successo importante nella misurazione della povertà nel nostro Paese e cioè che la metodologia è definita da un gruppo di accademici indipendenti dal governo stesso. Ciò significa che la misurazione non è influenzata da interessi politici ed è una misurazione più appropriata per le esigenze del Paese.

L’Oxford University Multidimensional Poverty Index misura direttamente le soddisfazioni a cui ha accesso la popolazione di un paese considerando otto indicatori raggruppati in tre dimensioni: istruzione, salute e tenore di vita. Ognuna di queste dimensioni ha lo stesso peso (1/3) nell’indice totale. Una persona è considerata povera se le sue deficienze rappresentano almeno un terzo dell’indice.

In questo senso è importante anche l’intensità della povertà, cioè quante privazioni presentano mediamente i poveri di un paese. Nel caso del Messico, questa intensità è del 37,9%. L’indice di povertà multidimensionale di Oxford si ottiene moltiplicando la percentuale di persone in povertà per la sua intensità media. Il risultato per il Messico è 0,028, che lo colloca al 65° posto su 111 paesi, ordinati dalla povertà più alta a quella più bassa.

Il contributo di ciascuno degli indicatori alla povertà è particolarmente interessante poiché quasi l’80% della povertà in Messico ha origine da un problema nutrizionale. La percentuale della popolazione in Messico con una mancanza di nutrizione è del 6,7%. Seguono per importanza il tipo di abitazione e il tipo di combustibile per cucinare, dove rispettivamente il 2,2% e il 2,1% della popolazione presenta questa carenza.

Secondo la metodologia di Oxford, i bambini sotto i cinque anni sono considerati malnutriti se la loro altezza per età o peso per età è inferiore a meno due deviazioni standard dalla mediana della popolazione di riferimento. Per i bambini dai cinque ai 19 anni se il loro limite di indice di massa corporea (BMI) specifico per età è inferiore a meno due deviazioni standard. E agli adulti se il loro BMI è inferiore a 18,5 kg/m2.

Per quanto riguarda l’evoluzione della povertà in Messico, Oxford ha tre diverse misurazioni. L’indice di povertà multidimensionale era 0,040 nel 2016, 0,031 nel 2018 e 0,028 nel 2020. Ciò implica che dal 2016 al 2018 si è verificata una riduzione statisticamente significativa della povertà in Messico. Dal 2018 al 2020 sembra esserci anche un calo della povertà, ma statisticamente il calo è troppo piccolo.

La misurazione della povertà multidimensionale dell’Università di Oxford ci mostra che in Messico è necessario continuare a migliorare per ridurre le carenze della popolazione più svantaggiata. La questione del cibo è particolarmente importante nel caso messicano, dove quasi il 7 per cento della popolazione presenta un certo grado di malnutrizione.

Font: OPHI (2022). Global MPI Country Breifing 2022: Messico. Rapporto. Oxford Poverty and Human Development Initiative, Università di Oxford.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.