Presa casa

[ad_1]

Pochi giorni fa, in un’udienza davanti al Senato degli Stati Uniti, il Segretario di Stato, Antony Blinken, alla domanda se siano i cartelli, e non il governo messicano, ad avere il controllo di parti del Paese, ha risposto: “Penso che è giusto dire di sì.” Il giorno successivo il presidente ha negato l’affermazione, ma il presidente sta mentendo.

Non è qualcosa di nuovo. Due anni fa, nel marzo 2021, il capo del Northern Command degli Stati Uniti, generale Glen Van Herck, sostenne che i cartelli operano nel 35 per cento del territorio messicano “in aree spesso ingovernabili”.

Sedici cartelli si battono per il controllo del Paese. Il cartello di Sinaloa domina il nord-ovest, il cartello del Golfo il nord-est, il cartello di Jalisco NG domina la secca, il cartello di Jalisco e l’Unione di Tepito controllano Città del Messico. I suddetti cartelli sono presenti nei 32 stati della Repubblica. Il governo federale lo sa e lo tollera. Con il pretesto che “le cause” devono essere risolte, ha permesso loro di operare senza grandi battute d’arresto. Quando gli Stati Uniti incalzano, arrestano un capo (come Ovidio Guzmán) un giorno prima dell’arrivo di Biden nel nostro Paese. Quando è la DEA a spingere, la Guardia Nazionale si assicura un grosso carico di fentanyl nonostante le affermazioni del presidente secondo cui il farmaco non è prodotto in Messico. Nonostante la verbosità infiammata del presidente, che è solo per il consumo del suo basso pubblico, quando il governo degli Stati Uniti spinge, il governo messicano si piega, come quando Ebrard-López Obrador si è inchinato davanti a Trump.

Nel giugno 2021 si sono svolte le elezioni in diversi stati della Repubblica. A Michoacán, Colima, Nayarit, Sinaloa, Sonora e Baja California, il narcotrafficante ha giocato elettoralmente a favore di Morena, sequestrando candidati e operatori elettorali dell’opposizione. Li hanno presi dalle loro case e li hanno tenuti rapiti fino alla fine delle elezioni. I governi scaturiti da quelle elezioni non rispondono ai cittadini, rispondono ai cartelli che li hanno imposti. Lo stesso si può dire di Tamaulipas. Ci sono forti indicazioni che il denaro della droga proveniente da quell’entità stia sostenendo finanziariamente la campagna di Delfina nello Stato del Messico.

Il signore della droga non solo controlla vaste aree del Paese, ma è anche un alleato politico del partito del presidente. Il suo obiettivo è la permanenza al potere del gruppo compatto di López Obrador.

Il punto è che ci sono vasti territori della Repubblica controllati dai narcotrafficanti, che il presidente lo sa e che mente quando lo nega. Prendiamo solo un caso. Famosa la sua visita a Badiraguato, nel marzo 2020, in cui ha salutato la madre del Chapo. López Obrador ha detto che è stato un incontro casuale. Non era così. Nello stesso viaggio, ha vissuto con gli avvocati di Guzmán Loera durante un pasto all’aperto. Di questa convivenza siamo venuti a conoscenza, attraverso video che si possono vedere su YouTube, non attraverso il lavoro della stampa, alla quale è stato impedito l’ingresso: i video sono stati diffusi dallo stesso cartello. In questi video, nonostante si trovasse in una zona ad alto rischio, non erano presenti né l’Esercito né la Guardia Nazionale. Il narco era incaricato di prendersi cura del presidente. Un paio di giorni dopo l’incontro a Badiraguato (il primo di cinque), gli avvocati del Chapo hanno ringraziato la visita, elogiato il “presidente umanista” e chiarito che López Obrador è sempre stato al sicuro perché si sono presi cura della sua sicurezza. “Dal momento in cui il presidente è arrivato a Culiacán in aereo”, ha detto ad Azucena Uresti José Luis González Meza, l’avvocato del narcotrafficante, “non ci sono stati problemi. Non c’era alcun rischio. Arrivò nella terra del Chapo. L’ordine era di non danneggiare il presidente. Tutte le volte che andrò a Sinaloa, il presidente sarà protetto”. Per chiarire: durante le sue visite a Sinaloa, il presidente sarà protetto dal cartello di Sinaloa. Questa è la triste realtà del Messico. Un presidente che si accorda con il narcotrafficante per garantire la continuità del gruppo politico che guida.

Una mattina del 1946, un giovane allampanato con una faccia da bambino di nome Julio Cortázar entrò nell’ufficio di Jorge Luis Borges. Gli lasciò un racconto che Borges pubblicherà con il titolo “Casa tomada”. Una coppia di fratelli vive vessati da una misteriosa presenza che si sta impossessando stanza dopo stanza della casa che abitano. La presenza di questi intangibili intrusi finisce per impossessarsi dell’intera casa, costringendo i fratelli ad andarsene, ma non prima di aver gettato le chiavi nella fogna.

Il Messico viene conquistato, stato per stato, con la compiacenza del governo, dai cartelli della droga. Il governo degli Stati Uniti preme. López Obrador schiaffeggia le mani, calunnia, rivendica ma finisce per cedere. In questo teso gioco di dare e avere, i cittadini si trovano indifesi. Ci rifiutiamo di rinunciare a una casa che è nostra. Ci rifiutiamo di abbandonarla e le consegniamo le chiavi della fogna che Morena è diventata.

[ad_2]

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *