PROFILO: Dámaso López ‘Mini Lic’, il capo che si è consegnato alla DEA per ridurre la pena



Damaso Lopez Serrano, alias ‘Mini Lic’, Ora potrà scontare la pena in libertà, dopo essere stato condannato sei anni di reclusione per reati legati al traffico di droga negli Stati Uniti.

A 29, Damaso Lopez si è arreso alle autorità statunitensi -DEA- al porto di ingresso di Calexico West, Messico, il 27 luglio 2017. In quella data è stato classificato dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti come “il messicano di grado più alto del gruppo che si arrende alle autorità degli Stati Uniti”.

Il capo, che sarebbe stato il capo del cartello di Sinaloa, Si è formalmente dichiarato colpevole nel paese settentrionale di cospirazione per la distribuzione di sostanze controllate, come metanfetamina, cocaina ed eroina, a fini di importazione illegale, nel gennaio 2018.

Tuttavia, diverse versioni suggeriscono che il “Mini Lic” si sarebbe consegnato per negoziare con le autorità statunitensi a riduzione della sua pena. È stato anche un attore chiave nel processo di Emma Coronel Aispuro, che è stata isolata in una prigione degli Stati Uniti per la sua partecipazione al traffico di droga e al riciclaggio di denaro.

Un’altra versione indica che, cinque anni fa, il trafficante di droga si è consegnato alle autorità statunitensi perché Ismael el “Mayo Zambada”, capo principale del cartello di Sinaloa, gli stava alle calcagna. Secondo le indagini, la “Mini Lic” ha avuto una guerra aperta con Los Chapitos.

In Messico, López Serrano è stato accusato di aver ordinato l’omicidio del Il giornalista messicano Javier Valdez, di Río Doce, che è stato ucciso a colpi di arma da fuoco fuori dal settimanale il 15 maggio 2017. Tuttavia, gli Stati Uniti non gli hanno aggiunto questo crimine.

López Serrano è il figlio di Dámaso López, ‘El Licenciado’, compagno di Joaquín el Chapo Guzmán.


Uno dei successi del cantante Gerardo Ortiz è la canzone “Dámaso”, dedicato a Dámaso López Núñez, operatore finanziario del cartello di Sinaloa, e per molti anni uno degli uomini di fiducia di Chapo Guzmán. Era soprannominato “scapolo”.

nel corridoio cita anche il ‘Mini Lic’: “garantito perché vengono sempre ben sellati, le strade sono in fiamme, io sono vigile e per la mia gente, il mini laureato”.

La “Mini Lic” uscirà di prigione

Il Mini Lic, a cui è stato condannato 72 mesi di carcere, Verrà rilasciato “a tempo debito”, ha spiegato Keegan Hamilton, giornalista di Vice News specializzato in questioni di criminalità organizzata.

Dopo essersi arreso nel 2017 ed essere stato in carcere, il capo ha già scontato la pena. È stato anche concordato che Dámaso López consegnerà un milione di dollari in contanti, che ha ottenuto dal traffico di droga.

Il ‘Mini Lic’ ha un’ordinanza di custodia cautelare negli Stati Uniti, per la quale è ancora da definire se rimane in quel Paese o se viene deportato in Messico.

Questo venerdì, Damaso Lopez Ha parlato in spagnolo davanti alla giuria americana: “Voglio solo scusarmi con tutte quelle persone a cui ho ferito così tanto con le mie azioni. Ho sbagliato e lo ammetto. Ho sbagliato a scegliere quella strada”.

Ha anche parlato della sofferenza che ha causato alla sua stessa famiglia e ai suoi amici. “Sarò una persona completamente diversa da quella di una volta. Chiedo un’opportunità per iniziare una nuova vita”.

Lascia un commento