Puniscono gli affari neri del populismo in Argentina

[ad_1]

Milleseicentosedici pagine sostengono la sentenza dei giudici argentini che condannano la vicepresidente ed ex presidente dell’Argentina, Cristina Fernández de Kirchner, a sei anni di carcere e all’ergastolo.

Il presidente di quel paese è esploso contro la magistratura argentina questo giovedì, quando sono stati resi noti i motivi per punirla.

La presidente, durante il suo mandato, è stata “il capo di un’organizzazione criminale creata dallo Stato per avvantaggiare con contratti milionari” un imprenditore che ha restituito parte del denaro attraverso altri contratti a società appartenenti alla famiglia Cristina Kirchner.

I giudici stimano in circa 500 milioni di dollari quanto la leader peronista ha defraudato al tesoro del suo Paese.

A dicembre è stata annunciata la sentenza dei magistrati e questo giovedì 9 marzo è stato reso pubblico il documento che avvalora la sentenza.

È rimasto nudo il populismo latinoamericano, che a dicembre è uscito in blocco per condannare la magistratura argentina per aver punito il furto di denaro pubblico perpetrato dall’attuale vicepresidente.

Quando rubano non è corruzione.

Hanno fatto credere di essere moralmente superiori e che questa vicinanza alla divinità li esenta dalla responsabilità.

E quando vengono sorpresi, come nel caso dell’ex segretario ai lavori pubblici nel governo di Cristina Kirchner, José López, accusano che si tratta di una macchinazione della destra, dei conservatori, dei privilegiati che perdono i canoni.

Come si ricorderà, López fu colto in flagrante mentre nascondeva sacchi di dollari in un convento. Dannatamente giusto, e le loro trame, hanno protestato il “moralmente superiore”.

Si è espressa con forza la solidarietà dei presidenti populisti latinoamericani, che hanno saputo coprire l’evidente atto criminale, con parole accusatorie nei confronti di magistratura e procure.

Il rapporto dei magistrati argentini afferma che “l’ordine pubblico che il suo governo (di CK) proclamava, presagendo un vantaggio senza precedenti per l’estesa provincia patagonica, nascondeva, come un cavallo di Troia, il budget essenziale per il successo dello sviluppo dell’impresa criminale e i suoi molteplici bordi.

Il documento dei magistrati sottolinea che “l’entità dell’impresa criminale qui indagata comportava una magnifica pianificazione e raffinatezza in cui diversi livelli amministrativi agivano in colonne sotto lo stesso scopo”: appropriarsi indebitamente delle finanze dello Stato che dirigeva.

Il ministro dell’Interno (governo), Eduardo de Pedro, una persona che appartiene al clan della signora Fernández, ha risposto giovedì con il seguente paragrafo: “Un giorno come oggi, 9 marzo, 9 marzo 1956, il governo Pedro Eugenio Aramburu i militari firmarono un decreto che bandiva il peronismo come forza politica e portò all’esilio di Juan Domingo Perón”, fu scelto dai giudici per vietare a Cristina Fernández de Kirchner di partecipare alla vita politica.

Tutti i loro misfatti, una volta scoperti, sono ricoperti da analogie storiche che tendono a sublimare ciò che è puro e semplice saccheggio.

Il documento dei magistrati è accurato, professionale e implacabile:

“L’integrazione di questa organizzazione criminale ha avuto come leader gli ex presidenti Néstor Carlos Kirchner e Cristina Elisabet Fernández, e come organizzatori l’ex ministro della pianificazione federale, degli investimenti pubblici e dei servizi Julio Miguel De Vido, l’ex segretario ai lavori pubblici José Francisco López, l’ex Sottosegretario al Coordinamento dei Lavori Pubblici Federali Carlos Santiago Kirchner, l’ex Amministratore Generale della Direzione Autostradale Nazionale Nelson Guillermo Periotti, l’amico personale e socio in affari degli ex Presidenti, Lázaro Antonio Báez, tra gli altri”.

Aggiunge che “al fine di sottrarre fondi allo Stato, i membri di questa associazione, tra gli altri piani criminali, hanno scelto i lavori stradali pubblici come uno dei mezzi propizi per ottenere denaro dall’erario nazionale; hanno trasformato Lázaro Báez in un imprenditore edile, che avrebbero arricchito nel corso di 12 anni a scapito dell’interesse della società; hanno scelto la provincia di Santa Cruz come luogo dove, con la collaborazione di funzionari locali, sarebbe stata eseguita la matrice della corruzione; e confiscare illegittimamente e deliberatamente milioni di fondi pubblici”.

I legali del vicepresidente (che attualmente è competente) hanno dieci giorni di tempo per impugnare la sentenza e rinviare la causa al tribunale di secondo grado.

L’uomo d’affari Lázaro Báez, che faceva affari con il clan Fernández Kirchner, può fare lo stesso, ma poiché non ha giurisdizione, è attualmente in carcere, con una condanna a 12 anni per riciclaggio di denaro di provenienza illecita.

L’uomo d’affari Báez si credeva intoccabile, perché faceva affari fraudolenti con la famiglia presidenziale, da sinistra, protetta dall’aura di populismo che permette loro di agire al di sopra della legge perché moralmente superiori.

Dodici anni per riciclaggio di denaro. Più quelli che arrivano per associazione criminale con i governanti.

Ci sono anche giudici lì.

[ad_2]

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *