Qual è l’origine della ‘guajolota’, la famosa torta chilanga tamale?



Il ‘guajolota’quel salvatore Torta Tamale che allevia la fame di Chilangos al mattino, compare tra i 50 peggiori piatti di strada del mondo, un elenco di Gusto Atlantespecializzato in gastronomia di tutto il mondo, ma da dove viene questa preparazione così incompresa da chi non l’ha assaggiata all’alba?

Questo sito Web pubblica recensioni e raccomandazioni, a mappa alimentare in cui gli utenti possono navigare per esplorare la diversità culinaria in diverse città del pianeta.

Il ‘guajolota’ compare con un punteggio di 3,3 ed è descritto come “un popolare cibo di strada messicano che generalmente si mangia a colazione, e consiste in un soffice involtino farcito con un tamale”; tuttavia, la sua storia è più complessa.

Il Dizionario enciclopedico della gastronomia messicana spiega che questo tamale alloggiato in una telera o bolillo È un classico delle bancarelle mattutine a Città del Messico, inoltre, a volte è consuetudine con a tamale “nudo”. (fritto in abbondante olio).

“È tipico del Distretto Federale… Viene venduto al mattino presso consolidati stand di tamales e atoles, all’uscita di stazioni della metropolitana, fermate degli autobus, giardini, parchi e luoghi affollati. Per molti residenti della capitale, la giornata inizia con questo torta abbondante che diventa suo colazione e pranzo“, Aggiunge.

Quella ‘guajolota’ avvolta in carta marrone “per andare a mangiare” rappresenta l’assenza di fame fino al pomeriggio per pochi pesos, accompagnata da un atole per modellare il ‘guajolocombo’ o con chilaquiles come ‘guajolotongo’.

Qual è l’origine della torta tamale?

Come accade per tanti altri piatti che trovano posto sul bordo del marciapiede, è difficile trovarne uno origine esatta dei ‘guajolota’.

È noto che facevano già parte della dieta negli anni ’80, dal momento che nel La cultura della merenda. Di tacos tamales e torte (1987), José N. Iturriaga cita la sua presenza a Città del Messico:

“Sono diventati popolari mattina tamales ed è così che è nata la torta tamale: Alla porta di ogni panificio che si rispetti c’è solitamente un venditore ambulante di tamales…vicino al pane caldo”.

Inoltre, questo piatto si è insediato molto bene negli stomaci di Città del Messico, poiché la sua funzione è molto chiara: provvede una colazione ricca di carboidrati con cui riescono a resistere ai viaggi chilometrici e alle faticose giornate di lavoro che iniziano all’alba.

Dove è nato il ‘guajolota’?

Anche se sembra che non ci sia niente di più chilango di metterne il più possibile in una ciotolain altri stati ci sono piatti dello stesso tipo, come a Michoacán, culla del toast o della torta di gelatina.

È interessante notare che un possibile origine o antecedente del ‘guajolota’ non è a Città del Messico, ma in città, dove questo miscuglio di cereali (pane e grano) veniva venduto come un pambazo ripieno di enchiladas; poi questo è stato adattato piatto tamale popolare.

Un’altra delle storie che vengono raccontate presumibilmente è accaduta Tulancingo, Hidalgodove la voce popolare dice che un gruppo di ingegneri stava installando l’elettricità per le vacanze.

Nel bel mezzo del loro lavoro hanno avuto fame e sono andati in una bancarella dove non c’era quasi cibo, ma il responsabile ha offerto loro qualcosa di ripieno: alcune torte di enchilada; per scherzo lo dicevano i lavoratori quello era il “suo guajolote” o tacchino di Natalemotivo per cui hanno cominciato a chiamarli così.

Una delle ipotesi sul nome lo indica Si chiama così perché i tacchini vengono ingrassati con il mais.il nucleo di quelle enchiladas o tamales che riempiono il bolillo.

Lascia un commento