Quali sono i fosfolipidi?

I fosfolipidi sono lipidi contenenti fosfato. Le molecole di questa classe di composti organici presentano una testa polare idrosolubile (cioè solubile in acqua e non solubile nei solventi apolari) a base di fosfato e una coda apolare Idrofoba non idrosolubile (cioè non solubile in acqua e solubile nei solventi apolari), per questo sono dette …

Nonostante l’insolubilità in acqua, i fosfolipidi possono disperdersi in acqua, dando luogo ad emulsioni. I diacil-fosfolipidi contenenti colina, detti genericamente lecitine, sono sostanze bianche, igroscopiche, cerose, molto solubili in etere, in alcol e nei grassi, per cui risultano essere potenti agenti emulsionanti.

Quali sono gli glicerofosfolipidi?

I glicerofosfolipidi (o fosfogliceridi) sono tutti derivati dall’ sn -glicerolo-3-fosfato, nel quale il glicerolo (CH 2 OH-CHOH-CH 2 OH) è esterificato in posizione 3 con acido ortofosforico (H 3 PO 4).

Quali sono i diacil-fosfolipidi contenenti colina?

I diacil-fosfolipidi contenenti colina, detti genericamente lecitine, sono sostanze bianche, igroscopiche, cerose, molto solubili in etere, in alcol e nei grassi, per cui risultano essere potenti agenti emulsionanti.

Quali sono gli alchil-acil-fosfolipidi?

Gli alchil-acil-fosfolipidi presentano un alcol a lunga catena eterificato con l’OH in posizione 1 del glicerolo. Questi composti vengono denominati secondo lo schema 1-alchil-2-acil-glicero-3-fosfo-, seguito dal nome del composto esterificato all’acido ortofosforico.

Come sono composti i fosfolipidi?

Come sono composti i fosfolipidi. I fosfolipidi sono molecole organiche e comprendono tutti i lipidi caratterizzati da almeno un acido grasso nella loro struttura. dal punto di vista della dieta I fosfolipidi non sono molto abbondanti e rappresentano circa il 2% del totale dei lipidi assunti in media.

Quali sono i fosfolipidi e glicolipidi?

I fosfolipidi e glicolipidi I fosfolipidi: dopo i trigliceridi, i fosfolipidi sono i lipidi più abbondanti presenti in natura. Essi svolgono funzioni molto importanti nel nostro organismo, infatti, sono i principali componenti della membrana cellulare e rivestono la funzione di selezionare il passaggio dei ioni e molecole.

Qual è la parte apolare di un fosfolipide?

La parte apolare di un fosfolipide è costituita da due acidi grassi saturi o insaturi a 16 o 18 atomi di C, legati al glicerolo. La parte polare è costituita dal gruppo fosfato, esterificato con la colina, l’etanolamina, la serinao l’inositolo. Anche la parte polare è legata al glicerolo.

Qual è la funzione dei fosfolipidi?

La funzione dei fosfolipidi e anche molto importante per quanto riguarda la coagulazione del sangue, la risposta infiammatoria, la costituzione della bile del fegato e della mielina. In questo caso i fosfolipidi evitano la precipitazione in cristalli del colesterolo e quindi la formazione di calcoli.

Cosa sono i fosfolipidi?

Fosfolipidi I fosfolipidi rivestono una grande importanza biologia perché costituiscono i principali componenti delle membrane delle cellule e hanno quindi funzione strutturale. I fosfogliceridi (o glicerofosfolipidi) insieme ad alcuni sfingolipidi vengono collettivamente indicati come fosfolipidi.

Cosa sono i fosfogliceridi?

I fosfogliceridi sono chimicamente simili ai trigliceridi, in quanto sono formati da una molecola di glicerolo unita attraverso 2 legami esteri a 2 acidi grassi; ma il terzo gruppo alcolico della glicerina forma un legame estere con un gruppo fosforico a sua volta legato, da un altro legame estere, a un gruppo X che può essere di varia natura.

I glicolipidi: sono i principali costituenti della parte esterna della membrana cellulare e sono presenti soprattutto nei tessuti nervosi e nei globuli rossi dove svolgono l’importante funzione di recettori molecolari. Nei globuli rossi sono responsabili della specificità dei gruppi sanguigni.

Il fosfolipide più semplice viene chiamato acido fosfatidico. Le lecitine sono fosfolipidi appartenenti alla categoria dei fosfogliceridi; nella loro struttura il gruppo fosforico è legato all’amminoalcol colina (per questo sono note anche come fosfatidilcoline).

Quali sono Gli sfingofosfolipidi?

Gli sfingofosfolipidi sono fosfogliceridi particolari, in cui il glicerolo è sostituito da un amminoalcol a lunga catena (sfingosinaod un suo derivato), anch’esso legato ad un acido grasso – con un legame di tipo ammidico – e all’ortofosfato, attraverso un legame estere con il suo gruppo ossidrilico.

Quali sono gli anticorpi antifosfolipidi?

Anticorpi antifosfolipidi. Gli anticorpi antifosfolipidi (aPL) sono un gruppo eterogeneo di autoanticorpi diretti contro molecole cariche negativamente e verso una combinazione di fosfolipidi e proteine plasmatiche. Vengono divisi in tre classi: gli anticardiolipina (aCL), gli antibeta2glicoproteina1 (antiβ2GPI) ed il lupus anticoagulant (LAC).

Come sono classificati i lipidi?

Lipidi classificazione. I lipidi possono essere classificati in base alle loro caratteristiche chimico-strutturali o funzionali. Dal punto di vista chimico (che è anche quello più utilizzato) distinguiamo i lipidi in base alla presenza o meno di acidi grassi.

Quali sono i miscugli colloidi?

Oltre alle soluzioni vere, per le quali sono valide le proprietà colligative, esistono particolari miscugli detti colloidi. I colloidi sono miscugli costituiti da particelle solide o liquide, con diametro compreso tra 5 e 200 nm, disperse in un fluido (liquido o gas).

Quali sono i sistemi colloidali?

I sistemi colloidali rivestono una notevole importanza nei processi biologici e trovano impiego nell’industria. Esempi di processi biologici in cui sono coinvolti i colloidi sono le cellule e le loro membrane cellulari, il plasma sanguigno e la maggior parte dei liquidi circolanti nelle piante e negli animali.

Quali sono i principali colloidi?

I principali colloidi sono: Sol, sistema formato da una fase solida dispersa in un liquido e in grado di essere versato come un liquido, come la dispersione dell’amido in acqua; Gel, aumentando la concentrazione delle particelle solide disperse in un liquido, un sol può passare allo stato di gel , cioè con consistenza gelatinosa.

Come si può immaginare la chimica dei colloidi?

Come si può immaginare la chimica dei colloidi è una scienza interdisciplinare, e coinvolge la chimica, la reologia e la fisica. Proprietà dei colloidi. Le forze che entrano in gioco nei fenomeni colloidali coinvolgono: interazioni elettrostatiche, forze entropiche, la tensione superficiale.

Quali sono i colloidi protettori?

I colloidi protettori (ad esempio, la gelatina) sono sostanze utilizzate per aumentare la stabilità dei sol, per effetto protettivo dovuto all’impedimento dell’aggregazione. Il numero d’oro è l’unità di misura dell’azione stabilizzante e corrisponde ai milligrammi di sostanza secca necessari per impedire il viraggio, …

Lascia un commento