Richiedenti asilo negli Stati Uniti: il 47% denuncia abusi da parte di agenti in Messico



Quasi la metà del persone che hanno chiesto asilo negli Stati Uniti e cosa erano tornato in Messico nell’ambito del programma ‘Resta in Messico’ in attesa di un’udienza presso un tribunale per l’immigrazione degli Stati Uniti hanno detto di essere stati maltrattati da agenti localisecondo a Prima relazione sui diritti umani pubblicato questo giovedì.

Il organismo per i diritti umani con sede negli Stati Unitiha esaminato 2.688 interviste con richiedenti asilo svoltasi tra gennaio e agosto. La maggior parte dei migranti proveniva dall’America Latina e il 47% ha affermato di essere stato derubato o estorto da funzionari del governo messicano, inclusi agenti dell’immigrazione e forze di sicurezza.

Il presidente del MessicoAndres Manuel Lopez Obradorche ha concentrato il suo Strategia dell’immigrazione nello sviluppo regionale, insiste affinché il suo governo non tolleri la corruzione o gli abusi da parte delle forze di sicurezza. Ha accolto con favore la decisione di ridimensionare il programma statunitense, affermandolo ad agosto Il Messico non aveva mai accettato di essere un “campo per migranti che aspettano una risoluzione negli Stati Uniti”.

Agenti in Messico abusano dei richiedenti asilo statunitensi

L’amministrazione Biden ha cercato di porre fine al programmaformalmente noto come Protocolli di protezione dei migranti, attuato durante l’amministrazione del presidente Donald Trump nel 2019 per scoraggiare i richiedenti asilo. Il programma è stato chiuso dopo una lunga battaglia legale.

Il Istituto Nazionale delle Migrazioni del Messico e la Guardia Nazionale del Paese non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento sul rapporto.

La maggior parte delle persone coperte dai Protocolli di protezione dei migranti quest’anno provenivano da Nicaragua, Cuba, Venezuela, Colombia ed Ecuador.

Molti lo hanno riferito hanno anche affrontato la violenza dei cartelli in Messicodove il governo è stato messo sotto pressione nelle ultime settimane dopo una serie di atti violenti nelle principali città che hanno rivelato il controllo di gruppi criminali nel Paese.

Lascia un commento