Segretario alla Difesa: statista o un altro giunto della Quarta Trasformazione?



Quale sarà l’eredità storica del Segretario alla Difesa al termine della Quarta Trasformazione? Come sarà ricordato il generale Luis Crescencio Sandoval? Vittima, compagno, ostaggio, operatore politico di Andrés Manuel López Obrador?

Le forze armate messicane stanno affrontando una transizione storica e il futuro dipende dal ruolo che assume il generale Sandoval. Sarà ricordato come il Segretario che ha permesso la storica militarizzazione del Messico che ha consentito la riduzione della violenza nel Paese? Oppure sarà ricordato come un generale con ambizioni, paure o una mancanza di leadership che ha permesso all’esercito di diventare lo strumento di controllo politico per un presidente con ambizioni autoritarie?

E sì, anche con gli ordini specifici del comandante in capo, il generale Sandoval e l’ammiraglio Ojeda hanno delle opzioni, ci sono delle alternative.

Il generale e l’ammiraglio devono decidere se essere statisti, cercare la neutralità politica e difendere la Costituzione. O semplicemente e semplicemente saranno operatori politici che supporteranno il presidente nella polarizzazione del Paese.

Ma la realtà è che questo governo non solo ha politicizzato la strategia di sicurezza del Paese, ma anche gli operatori ei responsabili della sicurezza nazionale e pubblica in Messico. Il Segretario alla Difesa, il Segretario alla Marina e il Segretario alla Sicurezza e alla Protezione dei Cittadini sono diventati i più importanti operatori politici di Andrés Manuel López Obrador. E questo si rifletterà non solo nella storia militare del paese, ma dell’emisfero.

La storia delle forze armate messicane differisce sostanzialmente dalle azioni delle forze armate nell’emisfero. I generali e gli ammiragli messicani storicamente non chiedevano né cercavano di governare, sottomettere civili o usare la forza, tranne quando ordinato dal comandante in capo. La maggior parte della leadership nelle forze armate messicane non proviene dalla classe politica o dalla classe economica. Il presidente ci ricorda costantemente che i membri delle Forze armate vengono dal popolo e non sono golpisti.

E in questo senso il presidente ha assolutamente ragione.

Ma c’è anche la storia dell’uso criminale e improprio delle Forze armate. L’uso della forza è una grande tentazione per qualsiasi governante ed è soggetto ad abusi, in particolare da parte di governanti inetti o autoritari.

Per questo, in Messico e nella maggior parte delle democrazie mondiali esiste una netta separazione giuridica e dottrinale tra le funzioni militari e di polizia civile. Una grande differenza tra minacce alla sicurezza nazionale e rischi per la sicurezza pubblica. Gli strumenti dei militari sono molto più potenti e più letali degli strumenti della polizia.

Probabilmente, la minaccia che dovrebbe preoccupare di più, se continua la rotta intrapresa dalla Quarta Trasformazione, non è la militarizzazione, ma la tentazione del presidente di utilizzare l’Esercito, la Marina e la Guardia Nazionale contro la popolazione. Avranno i segretari, i generali e gli ammiragli non hanno la capacità di contraddire, mettere in discussione gli ordini di López Obrador, se sono illegali o incostituzionali.

Per questo sono preoccupanti i commenti del segretario generale Luis Crescencio Sandoval, che nella cerimonia del 13 settembre, ricordando l’eroismo dei Children Heroes del 13 settembre, ha sottolineato che «quelli di noi che compongono le istituzioni, abbiamo il impegno per garantire l’unione nazionale e dobbiamo discernere coloro che, con commenti tendenziosi generati dai loro interessi e ambizioni personali, piuttosto che da interessi nazionali, cercano di separare le Forze armate dalla fiducia e dal rispetto che i cittadini ripongono nelle donne e negli uomini che hanno il delicato compito di servire il tuo Paese”.

Con questa “minaccia” sembrerebbe che il Segretario alla Difesa abbia deciso che sarebbe stato uno dei funzionari che avrebbero partecipato alla polarizzazione promossa dal presidente López Obrador.

Questo è pericoloso.

È chiaro che le Forze armate devono svolgere un ruolo fondamentale nella riduzione della violenza e nel confronto con le organizzazioni più violente del mondo. L’interrogativo non riguarda l’abilità e l’onestà. Il dibattito in questo momento si concentra su una strategia fallita per ridurre la violenza e la sfiducia in un presidente autoritario, che sarà tentato di usare le forze armate contro i nemici della Quarta Tentazione e non affrontare i nemici dei messicani. .

Lascia un commento