Tamaulipas: la goccia che ha rovesciato la schiena del cammello

[ad_1]

L’anno scorso, 108.000 americani sono morti per overdose da oppiacei. Circa 70mila per l’utilizzo del fentanil. Una parte consistente di questa morfina sintetica entra attraverso il confine meridionale degli Stati Uniti. Per la sua gravità, quest’anno la crisi del fentanil ha raggiunto i grandi centri di potere di Washington: la Casa Bianca e il Campidoglio.

La capitale del paese vicino è preoccupata e irritata con il Messico.

“Il Messico deve fare di più per fermare i danni che questo (fentanil) sta causando”, ha dichiarato lo scorso febbraio Anne Milgram, direttrice della Drug Enforcement Agency (DEA), in un’audizione convocata dal senatore Bob Menendez. ) in qualità di presidente della commissione per gli affari internazionali. Una settimana prima, il 7 febbraio, nel suo discorso annuale al Congresso, il presidente Joe Biden si è scagliato contro: “Introdurremo severe sanzioni per fermare il fentanyl al confine”.

Nell’ambito della risposta legislativa, pochi giorni prima dell’evento di Tamaulipas, due rappresentanti repubblicani, Dan Crenshaw (Texas) e Michael Waltz (Florida) hanno presentato una risoluzione che concede all’esecutivo l’autorità di utilizzare l’esercito per combattere i cartelli messicani. La risoluzione, che esprime semplicemente un sentimento del Congresso e, quindi, non ha denti, si ispira a un disegno di legge, HR 2600 Drug Cartel Terrorist Designation Act, introdotto nella precedente legislatura, la 117a.

In altre parole, il bicchiere era pieno e la notizia che quattro americani che facevano turismo medico erano stati rapiti a Matamoros, Tamaulipas, due dei quali assassinati e gli altri due feriti, finì per essere la goccia che fece traboccare il vaso pieno della rabbia di Washington nei confronti di un vicino del sud che, a dir poco, è stato negligente nel contrabbando di fentanyl.

Gli squali al Congresso, come il senatore Lindsey Graham (repubblicano della Carolina del Sud), hanno fatto di tutto: “Il Messico è uno stato narcoterrorista. È un paradiso per i cartelli. Se il Messico non fa niente, dobbiamo farlo noi… comprese tutte le risposte, compresa quella militare”. I quattro visitatori di Tamaulipas provenivano dal suo stato.

È interessante notare che le notizie sui quattro americani rapiti in Messico sono diventate le più lette o viste su diversi giornali e canali televisivi.

La violenza in Messico e ciò che si percepisce, la mancanza di capacità e volontà di fermare il “veleno” che sta gravemente colpendo la società americana, alimenta la tradizionale narrativa repubblicana: non c’è altra scelta che andare alla guerra alla droga. I cartelli devono essere annientati. È la risposta del “macho man” inventato da Richard Nixon all’inizio degli anni ’70, e ribadito da Ronald Reagan e Donald Trump.

Perderemo tutti. La guerra alla droga ha portato solo vittime a sud ea nord del confine.

Sembra difficile, non impossibile, per l’esecutivo statunitense designare i cartelli terroristici messicani. O che il Congresso approvi una legislazione al riguardo. La crisi, però, è già precipitata.

I repubblicani in campagna elettorale, come l’ex Segretario di Stato ed ex direttore della CIA Mike Pompeo, si presentano come coloro che comprendono la violenza che affligge il loro vicino a sud e offrono la loro “mano forte” per placarla. In testa alla corsa presidenziale del 2024, Trump si scaglia presto contro il nostro Paese.

Su questo tema il presidente Biden non può essere né paziente né conciliante. Il populismo-nazionalismo punitivo è troppo allettante.

Non sorprende che AMLO riscaldi di più le cose. La sua cosa è combattere e squalificare. Invita a difendere la sovranità. Ma si difende con lo Stato e concerta con il suo vicino a nord. Ha avuto quattro anni per elaborare un piano binazionale per entrare con la forza e la strategia che il fentanyl merita. Ora è tardi.

Le vittime di Tamaulipas sono la scintilla che ha acceso la polveriera che ha costituito la crisi del fentanyl che si è andata sviluppando negli ultimi cinque anni.

Oggi il rapporto bilaterale è sotto scacco. I confini ne risentiranno. Chi vorrà incoraggiare il turismo medico nelle nostre città di confine.

Se l’escalation verbale continua, è in gioco anche l’investimento di Tesla. È tempo di diplomazia, non di nazionalismo populista.

[ad_2]

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *