viene lasciato solo

È noto. La solitudine arriva ai presidenti prima o poi. Realtà inevitabile, l’uomo di potere tende a restare solo. È una regola politica: a poco a poco i leali si contano sulle dita, sono quelli che hanno poco futuro, perché chi ce l’ha lo rischia con gli altri. Il presidente in carica viene ceduto molto rapidamente, o il giorno delle elezioni quando il suo successore vince o, al più tardi, il giorno in cui cede il potere. Ecco perché fanno tutto il possibile per trattenerlo, designano i loro candidati, vogliono controllare le campagne, lo fanno e lo disfano – o lo curano – fino all’ultimo giorno. Al di là del loro periodo di governo, dell’adrenalina del potere, di ciò che li circondava, del loro potere decisionale, tutto entra in un accelerato processo di declino di cui si rendono conto e dal quale sopravvivono a malincuore con un’istituzionalità accettata a malincuore.

Ma non vanno da soli. Se ne vanno anche altri compagni di viaggio che rappresentano qualcosa di comune: i presidenti dei Paesi vicini o detti fratelli, come i latinoamericani. Non di rado questioni ideologiche e generazionali coincidono nei periodi. Nel caso di López Obrador, stiamo parlando di una serie di personaggi che hanno portato poca fortuna nei loro paesi e con i quali il presidente messicano si è sentito pienamente identificato. Si tratta di persone con notevoli squilibri mentali, ambizioni dittatoriali, demagoghi contestatori, quando non veri criminali, come Daniel Ortega, del Nicaragua.

López Obrador ha scelto Trump come suo compagno di volo al posto di Biden. Si vanta del suo buon rapporto con il mostro arancione che rappresenta una seria minaccia per il nostro Paese. Di recente, AMLO ha insistito pubblicamente affinché il suo account (Twitter) fosse restituito a Trump. Affinché? Non sappiamo. Forse voleva mandargli un DM o qualcosa del genere, ma è forse l’unico presidente che è intervenuto apertamente a favore del pazzo nordamericano. Ha scelto anche Nicolás Maduro, il dittatore venezuelano, caratterizzato dal condurre il suo paese in condizioni miserabili che sono già una frase di riferimento nel continente, o Cristina Fernández de Kirchner, ex presidente argentino che oggi rischia una condanna ad anni di carcere; Scelse anche Evo Morales, un uomo che finì per fuggire dal suo paese su un aereo inviatogli dallo stesso López Obrador.

Per molto tempo il presidente messicano ha difeso incessantemente il suo amico Pedro Castillo, fino alla vigilia del presidente peruviano e oggi arrestato dalle autorità di quel Paese. López Obrador continua a dire che l’autodeterminazione delle nazioni e il rispetto per la sovranità e cose del genere, ma non ha smesso di entrare costantemente nell’affare peruviano. Non gli è servito. La corruzione di Castillo e dei suoi cari, la concitatissima politica peruviana che divora insaziabilmente i presidenti – qualcosa da ricordare il suicidio di Alan García, con la polizia all’ingresso di casa sua pronta ad arrestarlo, ma hanno dovuto raccogliere il cadavere di un morto: “Lascio il mio cadavere in segno di disprezzo per i miei avversari”, ha scritto nella sua lettera di morte nel 2019.

Mentre López Obrador vuole chiedere asilo a Castillo, Lula, il brasiliano, e Gabriel Boric, il presidente cileno, hanno sostenuto le istituzioni in Perù e non l’ex presidente. Enorme differenza con il messicano.

Cose di potere: AMLO è rimasto solo, isolato con le sue delusioni nel suo mondo fantastico. Cominciò a isolarlo dall’esterno. Il tuo inizierà molto presto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.