Wall Street nega l’economia “reale”.



Gary Shilling, analista finanziario

Sappiamo che l’economia statunitense è attualmente debole, ma l’economia reale è davvero debole, e l’impegno della Federal Reserve di accelerare una recessione per frenare l’inflazione elevata renderà questa realtà ovvia per gli investitori apparentemente inconsapevoli.

Il prodotto interno lordo reale è sceso per il secondo trimestre consecutivo, e mentre il National Bureau of Economic Research deve ancora dichiarare una recessione in vista, coloro che si concentrano sui numeri nominali, non corretti per l’inflazione elevata, sperano ancora che possa evitare un recessione aziendale. Si parla di aumento dei salari in un mercato del lavoro teso, con bassa disoccupazione e offerte di lavoro che superano il numero dei disoccupati. I salari orari sono aumentati dell’8,8% in termini nominali da maggio 2021.

Ma corretti per l’inflazione, da allora i salari reali sono diminuiti ogni mese, portando il calo cumulativo al 3,2%. Anche la crescita dei salari nominali è debole: il tasso di crescita annuale, che era del 5,6 per cento a marzo, è rallentato al 5,2 per cento a luglio.

Se si includono altre fonti di reddito personale (benefici per i dipendenti, reddito da proprietà, affitto, interessi, dividendi e benefici statali) e sottraendo le imposte sul reddito, il reddito personale disponibile è aumentato del 6,8% nel secondo trimestre dell’anno, ma è diminuito dello 0,6% se rettificato per inflazione.

Coloro che credono che la spesa per consumi sia robusta scambiano le sovrapposizioni dell’inflazione per l’economia reale. Da marzo 2021, le vendite al dettaglio nominali sono aumentate del 6,9%, ma sono diminuite del 4,1% in termini reali.

La negazione delle devastazioni dell’inflazione era diffusa anche alla fine degli anni ’60 e ’70, quando la massiccia spesa federale per la guerra del Vietnam e i programmi della “grande società” portarono l’economia a un’inflazione a due cifre. Nonostante la convinzione dell’amministrazione Johnson, l’economia non aveva l’offerta di manodopera o la capacità industriale per produrre scorte di armi (spese militari) o burro (prodotti civili).

Ho pregato i nostri clienti aziendali in quel momento di guardare i risultati della loro azienda in termini reali per vedere quanti danni aveva inflitto l’inflazione. La risposta universale è stata che a Wall Street non interessano i risultati effettivi, quindi perché dovrebbero? E mentre il Dow Jones Industrial Average, in termini nominali, si aggirava intorno al livello di 1.000 dalla fine degli anni ’60 alla fine degli anni ’70, in termini reali è crollato del 73,1% da gennaio 1966 a luglio 2019. 1982.

Nonostante l’attuale elevata inflazione, anche alcuni azionisti sono in uno stato di diniego. Il 16 agosto, Walmart, il più grande rivenditore al dettaglio della nazione in termini di volume, ha registrato una crescita dei ricavi dell’8,4% nel trimestre terminato il 31 luglio rispetto all’anno precedente, inferiore all’aumento dell’8,5% dell’indice dei prezzi al consumo. Il volume delle vendite di generi alimentari del rivenditore è diminuito durante il trimestre e l’utile operativo è sceso del 6,8% a causa di sconti più elevati e della vendita di più articoli di generi alimentari a basso margine. Tuttavia, il giorno dell’annuncio, gli investitori hanno inviato le azioni Walmart in rialzo del 5,1%.

Il 23 agosto, Macy’s, la più grande catena di grandi magazzini negli Stati Uniti, ha tagliato le sue previsioni per quest’anno a causa della recessione economica, del rallentamento della spesa dei consumatori, delle vendite e delle promozioni per eliminare le scorte in eccesso. Le vendite nei negozi aperti da almeno un anno sono diminuite dell’1,5% nel secondo trimestre rispetto all’anno precedente. Tuttavia, le azioni di Macy’s hanno chiuso quel giorno in rialzo del 3,8%.

L’elevata inflazione odierna sta chiaramente erodendo i risultati aziendali. Dal secondo trimestre del 2021 al secondo trimestre di quest’anno, il valore aggiunto lordo delle vendite aziendali è aumentato del 12,7% in termini nominali, ma solo del 5,1% in termini reali. I profitti aziendali al netto delle imposte sono peggiorati, poiché l’aumento del 7,4% è sceso a solo lo 0,1% se corretto per l’inflazione.

L’inflazione potrebbe aver raggiunto il picco, ma senza dubbio si ridurrà lentamente. Quindi l’aumento del 5,0 percento degli utili dell’S&P 500 che gli analisti di Wall Street prevedono per il 2022, come riportato da S&P Global, equivarrà a una perdita in termini reali. Senza dubbio, gli investitori squaseranno il velo dell’inflazione e sposteranno la loro enfasi sulla crescente debolezza degli utili e dei profitti aziendali reali. Questo, in parte, potrebbe essere alla base della recente rinnovata svendita del titolo. La mia precedente previsione di un calo completo del 40% dell’S&P 500 dal massimo di inizio gennaio è ancora rilevante.

Lascia un commento